Scienza e tecnologia
Typography

Sono circa 90 mila i ragazzi che lunedì si cimenteranno con i test di ammissione alle facoltà di Medicina degli atenei statali.

Rispetto all'anno scorso i posti a disposizione per i futuri "camici bianchi" sono in leggera diminuzione: 9.501 contro 9.527. Ce la farà circa un candidato su 10. L'analisi è del Consiglio universitario nazionale (Cun).Gli aspiranti medici si dovranno confrontare con 80 quesiti a risposta multipla: quest'anno però, osserva il Cun, saranno meno numerose le domande di tipo nozionistico. Più spazio invece ai quiz di logica. Buona notizia per i candidati, che sulla base dei risultati dei test dell'anno scorso sono più competenti nell'area culturale umanistica, piuttosto che nell'area scientifica. Per il presidente del Cun, Andrea Lenzi, "é necessario aumentare le immatricolazioni" di Medicina, perché "con i circa 9 mila immatricolati di questa tornata possiamo prevedere nel 2017 circa 8 mila laureati. L'università italiana è in grado di accogliere 11 mila immatricolazioni, che garantirebbero 10 mila nuovi medici all'anno necessari per essere a regime entro il 2018". Lunedì tenteranno il test anche gli aspiranti odontoiatri (860 posti a disposizione in tutta Italia, 789 nel 2010). Martedì sarà la volta dei test per accedere a Veterinaria (958), mercoledì per Architettura (circa 8.600) e giovedì per le professioni sanitarie. Venerdì si chiude con la medicina in inglese

 

Antonella Prigioni 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x