Sanità
Typography

medico_pazienteAnche nel privato in vigore la nuova proceduraA partire dal prossimo 13 settembre entra a regime l’obbligatorietà di trasmissione telematica dei certificati di malattia anche per le aziende del settore privato.

A partire da questa data, infatti, tutti i datori di lavoro sono obbligati a verificare i certificati medici dei propri dipendenti accedendo al sito INPS oppure a richiederne l’invio da parte dell’Istituto di previdenza tramite e-mail alla propria casella di posta elettronica certificata. Sotto il profilo contrattuale gli obblighi del lavoratore rimangono invariati, fatte salve le modalità di trasmissione del codice identificativo del certificato di malattia che può essere comunicato al datore di lavoro tramite mail, sms o chiamata. La certificazione medica verrà dunque inviata per via telematica, direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria che la rilascia, all’INPS secondo le modalità stabilite per la trasmissione telematica dei certificati medici nel settore privato dalla normativa vigente.  A sua volta, il datore di lavoro riceve l’attestazione di malattia direttamente dall’INPS; la comunicazione può avvenire in tre modi: accesso al sistema dell’INPS tramite apposite credenziali, rese disponibili dallo stesso Istituto di Previdenza; invio alla casella di posta elettronica certificata indicata dal datore di lavoro; tramite propri intermediari.

Paola Vescovi

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x