Sanità
Typography

Due miliardi di euro in più sul welfare e abolizione del superticket. Sono questi gli elementi più forti emersi oggi a Roma, durante l'illustrazione del quindicesimo rapporto sulla Sanità.

Rapporto Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell'Università Tor Vergata  di Roma nell'ambito delle attività promosse dal centro per la ricerca economica applicata in sanità  (CREA) presieduto dal prof. Federico Spandonaro, docente di Economia Sanitaria e coordinatore del Master in Economia e Management della Sanità presso lo stesso ateneo.

Il rapporto affronta a 360 grandi l'evoluzione del nostro sistema sanitario nazionale. Quest'anno la discussione si è concentrata sull'esame delle misure annunciate e ancora in discussione nella legge di bilancio. Sostanzialmente nel 2019 si registra nel Governo il desiderio di riprendere in mano il welfare del SSN, allocando rispetto agli anni precedenti 2 miliardi di euro in più. Si tratta certamente di una misura in controtendenza rispetto agli anni precedenti, che avevano visto il nostro sistema sanitario scendere livello dei Paesi più poveri dell'Europa dell'Est. Il gap tra l'Italia e gli altri Paesi europei con i quali era normale confrontarsi - Francia, Germania, ecc. - è infatti molto aumentato.

Negli ultimi anni - spiega ancora il rapporto - il nostro Paese ha dovuto realizzare un poderoso piano di rientro per mettere il sistema in sicurezza o in equilibrio, ed effettuando una serie di tagli che hanno ridotto le risorse a disposizione del SSN è messo in crisi il principio universalistico con il quale era nato.

La nuova rotta presa dal Governo è confermata dall'ipotesi, prevista solo per,l'autunno del 2020, dell'abolizione del superticket.





 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x