Sanità
Typography

Giuseppe Caraccio, presidente del Gruppo Veneto Diagnostica e Riabilitazione, è stato eletto per acclamazione nuovo presidente di Anisap Veneto - Trentino Alto Adige, l’associazione più rappresentativa nell’ambito delle istituzioni ambulatoriali private accreditate e non.

La nomina è avvenuta lo scorso 19 giugno, nel corso di una partecipata assemblea alla quale hanno partecipato anche il vicepresidente nazionale vicario di Anisap Valter Rufini e i precedenti presidenti regionali Lia Ravagnin e Alberto Bressan.
Il mandato - triennale - vedrà Caraccio affiancato da Alberto Bressan, Francesco Da Tos, Giada Di Maggio, Letizia Ingrosso, Riccardo Meneghelli, Marcella Pasti, Maria Giovanna Quaranta, Leonardo Schiavon, Stefano Tegner, Cosimo Di Maggio, Giorgio Galli, Giorgio Giovannoni e Cristina Ometto, che faranno parte del Comitato Esecutivo. Nel Collegio dei Probiviri entrano invece Gianfranco Biancardi, Vincenzo Guzzo e Carlo Tobaldo.
«L’Anisap che immagino - ha spiegato Caraccio - deve adeguarsi ai tempi, che sono cambiati. Dobbiamo cambiare anche noi se non vogliamo restare indietro. Penso che la nostra, oltre a essere una associazione politico-sindacale, debba strutturarsi come una società di servizi». Nell’esposizione del suo programma, Caraccio ha focalizzato l’attenzione su tre ambiti di lavoro: politico/associativo, legale amministrativo, marketing. Nel prossimo numero cartaceo di NES, più dettagli sulla notizia.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x