Sanità
Typography

Nel riparto del Fondo sanitario nazionale per il 2017 al Veneto arriveranno 40 milioni di euro in meno, così è stato approvato ieri dalla Conferenza dei presidenti delle Regioni. “Chiamiamolo un buon riparto, perché è stata una battaglia dura, grazie alla quale limitiamo i danni all’inevitabile”, commenta il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia.

“Al Veneto, rispetto all’anno scorso – dice Zaia – arriveranno circa 40 milioni in meno. Una ferita, ma la meno grave di tutte quelle che sarebbero potute arrivare. E’ evidente – aggiunge – che si continua a tergiversare rispetto a una delle poche riforme vere che si dovrebbe realizzare, come l’applicazione ferrea dei costi standard, il cui rispetto dovrebbe creare una premialità per chi, come il Veneto, ci riesce. Ancora non è così - conclude Zaia – ma la battaglia non si ferma”.

Anche l’Assessore alla Sanità del Veneto Luca Coletto, commentando il riparto del Fondo sanitario nazionale 2017, ribadisce che il danno maggiore è stato limitato: “ci siamo salvati perché nel gioco per certi versi assurdo del ‘più X meno Y’ che accompagna sempre un riparto’ siamo riusciti a limitare il ‘meno’ al minimo possibile. Quei circa 40 milioni che mancano sono tecnicamente maggiori costi legati ai nuovi Lea, ai nuovi vaccini, a varie nuove voci di spesa, alla nostra quota parte dei 422 milioni di taglio complessivo che ci si è trovati di fronte e che non è stato applicato alle Regioni Autonome”.

“Le risorse complessive sono sempre meno – aggiunge Coletto – ma ancora non è stato possibile imporre il concetto virtuoso per il quale chi ha i conti in ordine dovrebbe ricevere un riconoscimento sotto forma di maggiori fondi.

“Ci si arriverà – conclude Coletto – perché la strada è imboccata ed è irreversibile. In pochissimi anni siamo già riusciti a smuovere almeno in parte certe incrostazioni pluridecennali e altro accadrà giorno dopo giorno”.

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x