Sanità
Typography

Nell’anno 2016 il Sistema Trapianti del Veneto ha raggiunto risultati da record: 579 trapianti effettuati, dei quali 489 da donatore deceduto e 90 da donatore vivente, si registra il numero più alto degli ultimi dieci anni.

Ad evidenziarlo è il Rapporto annuale sull’attività di donazione e trapianto in Veneto, realizzata in sinergia con la Rete nazionale, elaborato dal Centro Regionale Trapianti.

I dati salienti parlano di 489 trapianti da donatore deceduto e 90 da donatore vivente effettuati (il numero più alto nell’ultimo decennio); 130 donazioni di organi; 2.247 donazioni di cornee.

Tra i quattro centri trapianto del Veneto, Padova fa da capofila con 334 trapianti effettuati, dei quali 177 di rene, 91 di fegato, 39 di cuore, 27 di polmone, 15 di pancreas. Verona ha effettuato 177 trapianti, di cui 110 di rene, 54 di fegato e 15 di cuore. I centri di trapianto del rene di Vicenza e Treviso hanno totalizzato rispettivamente 36 e 32 interventi.

La Regione nel 2016 ha, in sintesi, aumentato le donazioni di organi del 17% rispetto al 2015; raggiunto il numero di donatori di organi più alto degli ultimi 10 anni con 130 donatori; raggiunto il numero di donatori di cornee più alto di sempre; aumentato il numero di trapianti di organi del 14.8% rispetto al 2015; eseguito il numero di trapianti più alto degli ultimi dieci anni; formato 784 dipendenti delle anagrafi di 362 comuni della regione, permettendo di attivare 71 comuni per la raccolta di circa 17.000 nuove dichiarazioni di volontà alla donazione di organi e tessuti , espresse al cambio della carta d’identità .

“Gratitudine e riconoscenza – dice soddisfatto il Presidente della Regione Luca Zaia – vanno alla generosità dei Veneti, che hanno colto come mai prima la grandezza di un gesto come la donazione, e a tutte le Associazioni di volontariato che si prodigano quotidianamente. Non è un caso che i donatori siano aumentati del 17% rispetto al 2015, così come non è un caso che, nel solo 2016, ci siano state la bellezza di 17.000 nuove dichiarazioni di volontà alla donazione. Un dato entusiasmante, che testimonia di un grande popolo del quale andiamo fieri”.

Di orgoglio parla anche l’Assessore regionale alla Sanità Luca Coletto: “Un quadro che ci rende orgogliosi e che fornisce un apporto significativo all’andamento del settore a livello nazionale”.

“Ogni volta che si rende disponibile un organo da trapiantare – fa notare – si mettono all’opera decide e decine, a volte centinaia nei casi di interventi multipli, di operatori ad altissima specializzazione: chirurghi, anestesisti rianimatori, infermieri professionali, e a monte forze dell’ordine, autisti, piloti. Li ringrazio tutti, sono le nostre squadre della vita”.

“Bene – conclude Coletto – anche l’andamento complessivo dei Centri di Padova, Verona, Treviso e Vicenza, il che dimostra che non solo siamo in presenza di un’eccellenza assoluta, ma anche diffusa sul territorio”.

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x