Sanità
Typography

“A quarant’anni dalla loro istituzione, i consultori familiari in Veneto si confermano la prima frontiera dei servizi a favore delle famiglia e a sostegno della genitorialità. La regione Veneto,  una delle prime a istituirli in Italia, crede nel loro ruolo, come dimostra la riforma dell’organizzazione sanitaria appena varata e lo stanziamento di quasi due milioni di euro  quest’anno per  la rete dei 49 consultori pubblici e privati attivi nel territorio e per l’avvio sperimentale degli Sportelli famiglia”.

A ricordarlo è Manuela Lanzarin, assessore al sociale della Regione Veneto, nel messaggio di saluto che ha rivolto agli operatori dei consultori familiari riuniti oggi a Verona per l’iniziativa “Luoghi familiari” organizzato dall’Ulss 20, a quarant’anni dalla legge regionale del 1975 che ha istituito i consultori familiari in Veneto.

“Un servizio che si è dimostrato fondamentale – sottolinea l’assessore – nel sostenere donne e adolescenti, minori e coppie, famiglie in crisi e percorsi di separazione, affido, adozione, nuove e vecchie povertà. Per questo motivo, con la riforma dell’organizzazione sanitaria e l’istituzione dell’azienda Zero, la regione ha voluto confermare la presenza capillare dei consultori in ogni distretto, indicando, nero su bianco, la continuità del loro servizio nella rete dei servizi territoriali e impegnandosi a valorizzarne il loro ruolo di ‘cerniera’ tra interventi sociali e servizi sanitari”.

“Sostegno alla genitorialità, educazione all’affettività e alla sessualità e prevenzione delle violenze di genere sono attualmente le aree di intervento prioritarie dei servizi dei consultori. Ambiti da potenziare, ma anche da verificare e ripensare tenendo conto delle nuove dinamiche familiari, del diffondersi di comportamenti a rischio e di fenomeni di esclusione sociale che interrogano con sempre maggior frequenza la rete dei servizi e sollecitano nuove forme di approccio integrato e multidimensionale”.

Per l’avvio sperimentale dello ‘sportello famiglie’ la Giunta regionale ha messo a disposizione quest’anno 592 mila euro. Ha confermato inoltre il finanziamento di un milione di euro a favore dei consultori familiari delle 21 Ulss venete e destina 325 mila euro a rimborso delle attività svolte dai 28 consultori privati accreditati.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x