Sanità
Typography

incintaNel 2010 donate 20 mila unità di sangue

Cresce la solidarietà delle mamme. Sono infatti in aumento in Italia le donazioni di sangue di cordone ombelicale; lo rileva Adisco, che nel corso di un convegno svoltosi a Roma lo scorso 13 maggio ha reso pubblici i dati del 2010 (disponibili anche sul sito adisco.it). Le unità di sangue donate sono state 20 mila, 3 mila in più rispetto al 2009. Di queste, però, soltanto 4 mila sono state 'bancate' cioè conservate nelle bioanche italiane per incrementare il reperimento di unità compatibili a scopo di trapianto. Anche il Venero contribuisce alla raccolta di sangue di cordone ombelicale con i suoi tre centri: Padova e Treviso, attivi nel campo dagli anni Novanta, e Verona la cui attività è iniziata invece nel 2008. L'anno scorso la 'banca' della città del Santo ha raccolto 1666 unità, quella della Marca altre 822, infine il centro della città scaligera ne ha totalizzate una cinquantina. Le cellule staminali da cordone ombelicale, che vengono studiate e utilizzate per curare malattie importanti come la leucemia, il linfoma, le disfunzioni del metabolismo e le anemie ereditarie, hanno finora consentito nel mondo di eseguire più di dieci mila trapianti ma per assicurare la possibilità di un trapianto a tutti coloro che ne hanno bisogno ci sarebbe bisogno di trplicare la cifra attuale. In una intervista ad Adnkronos Simonetta Pupella, responsabile dle Centro Nazionale Sangue, ha spiegato che In Italia "l'inventario è costituito da circa 25 mila unità ma l'obiettivo è quello di raggiungere la quota di 75 mila unità conservate nelle banche del nostro Paese per incrementare il reperimento di quelle compatibili'. Dal momento che – aggiunge Pupella - 'poiché solo il 25% delle unità di sangue cordonale raccolte nei punti nascita risultano idonee alla conservazione per trapianto, in linea con la media europea, la quantità di unità da raccogliere nei prossimi anni dovrà essere di circa 230 mila unità per consentire di 'avere in banca' 75 mila unità idonee'.

 

Paola Vescovi

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x