Sanità
Typography

E' stata inaugurata ieri, 17 ottobre, a Portogruaro una nuova comunità terapeutica residenziale protetta per la cura del disturbi del comportamento alimentare, purtroppo sempre più diffusi e con un esordio sempre più precoce che può arrivare addirittura a 10-12 anni.

Si tratta di una struttura residenziale, la prima in Italia, che accoglie persone bisognose di intervento terapeutico-riabilitativo continuativo per situazioni patologiche correlate al Disturbo del Comportamento Alimentare (DCA), ovvero situazioni per le quali non risulti utile il ricovero ospedaliero e non sia sufficiente il trattamento ambulatoriale. L’Ulss10 ha affidato la struttura alla Cooperativa “Insieme Si Può” di Treviso con un appalto della durata di quattro anni, prorogabili a sei.

La nuova comunità terapeutica è attiva sette giorni su sette, 24 ore su 24, dispone di 10 posti letto attualmente tutti occupati da persone d’età compresa tra 18 e 25 anni, nove delle quali sono ragazze, provenienti da varie Ulss del Veneto e del Friuli. Un’equipe multidisciplinare composta da 15 persone della Cooperativa “Insieme Si Può” e del centro disturbi alimentari dell’Ulss10, organizza e svolge attività personalizzate per ciascun utente, le quali si basano sul modello di cura RPP (Riabilitazione Psiconutrizionale Progressiva) ideato dal responsabile del centro disturbi alimentari dell’Ulss10, Pierandrea Salvo; le attività spaziano da quelle psichiatriche e relative alla riabilitazione nutrizionale a quelle riabilitative/espressive/scolastiche.

“Eccoci di fronte – ha detto Zaia presente all'inaugurazione – ad una nuova eccellenza sanitaria che nasce nel Veneto Orientale. E’ la prima in Italia organizzata in un modo così articolato, professionale e attento agli aspetti umani, capace di occuparsi anche dei pazienti in età pediatrica, purtroppo sempre più numerosi. Sono queste strutture, iperspecializzate e moderne che ci permettono di essere primi in Italia anche per la mobilità attiva di pazienti che, da altre Regioni, vengono a curarsi da noi”.

“Questa è una delle tante risposte – ha aggiunto il Governatore – che diamo anche ai catastrofisti che si sono detti certi che con la nostra programmazione avremmo ridotto in macerie la sanità dell’area, chiuso ospedali e depotenziato servizi. Eccoci oggi di fronte a un nuovo gioiello, che si affianca ad altri presenti e a quelli futuri che abbiamo in animo di realizzare. Con noi c’è anche il nuovo primario di Ginecologia e Ostetricia di Portogruaro, quel reparto che in troppi hanno dato frettolosamente per spacciato. Non chiuderemo punti nascita – ha voluto sottolineare il Governatore - e potenzieremo sia l’ospedale di Portogruaro che quello di San Donà, lavorando sull’integrazione e sull’iper-specializzazione grazie alla quale entrambi cresceranno e saranno interessati da altri investimenti”.

Con Zaia erano presenti il Vescovo, Monsignor Giuseppe Pellegrini che ha benedetto la struttura, Il Vicepresidente della Regione Gianluca Forcolin, l’Assessore alle Politiche Sociali Manuela Lanzarin, il Sindaco Maria Teresa Senatore, il direttore generale dell’Ulss Carlo Bramezza, la Presidente della Cooperativa “Insieme si Può” Paola Pagotto accompagnata dalla fondatrice Rina Biz, particolarmente festeggiata, il responsabile del Centro Disturbi Alimentari Pierandrea Salvo.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x