Sanità
Typography

 

“Questa è una buona giornata per milioni di italiani, che potranno avere finalmente accesso a nuove terapie e trattamenti”, dalla fecondazione assistita ai nuovi vaccini passando per oltre 110 malattie rare. E’ il commento con cui il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha accolto il via libera delle Regioni alla bozza di decreto sui nuovi Lea, i Livelli essenziali di assistenza (ossia le prestazioni minime garantite dal Ssn in tutta Italia).

Un sì, peraltro, accompagnato da un avvertimento rivolto al Governo: la luce verde vale soltanto se l’esecutivo si impegna a confermare le promesse fatte a suo tempo nel Def (il Documento di economia e finanza). Ossia di 113 miliardi di euro al Fondo sanitario nazionale nel 2017 (due in più rispetto a quest’anno) e quasi 115 per il 2018. Impegni che ora le Regioni chiedono vengano messe nero su bianco due volte: prima nell’intesa Stato-Regioni che deve formalizzare l’accordo sui nuovi Lea, e poi nella Legge di bilancio per il 2017, il cui iter dovrebbe cominciare dal prossimo mese e nella quale i governatori vogliono ritrovare esattamente le stesse cifre.

E’ evidente che il proposito delle Regioni è quello di “blindare” i fondi promessi al Ssn per i prossimi due anni. Gli ultimi dati Istat sul Pil (primo semestre 2016 a crescita zero) sono stati una doccia fredda, perché il Def 2016-2018 stimava una crescita nominale del Prodotto interno lordo del 2,8% all’anno, e ora il timore dei governatori è che Palazzo Chigi metta mano alle forbici e cominci a tagliare.

Richieste ragionevoli per il ministro Lorenzin: “Queste risorse” ha ricordato “sono previste nel Def. Poi, come è ben noto, ciascuno deve difendere il proprio capitolo di bilancio”. In ogni caso, ha sottolineato , “per il prossimo anno occorre mantenere la sostenibilità del Fondo sanitario per raggiungere due obiettivi: intervenire sui precari nella sanità con lo sblocco del turnover e garantire l'accesso ai nuovi farmaci, rifinanziando anche il fondo per l'epatite C”. Ora, perché i nuovi Livelli essenziali di assistenza divengano operativi, manca ancora un passaggio in Parlamento e la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, ma la previsione del Ministro è che il traguardo possa essere tagliato “entro dicembre”.

 

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x