Sanità
Typography

“Questa promozione è la dimostrazione che la fiducia riconosciuta al Veneto indicandoci come Regione benchmark per la buona gestione della sanità era ben riposta”. Con queste parole, il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, ha commentato la notizia, pubblicata da un importante quotidiano economico nazionale, secondo la quale il Veneto risulta la Regione più “risparmiosa” d’Italia sul fronte dei costi degli acquisti per quanto riguarda i diffusi e preziosi stent coronarici.

“La strada è quella giusta: risparmiare negli acquisti in sanità. Le fonti sono unanimi e attendibili. Per questo fa molto piacere constatare che la sanità veneta è la più virtuosa nella capacità di contenere i costi, nella fattispecie quelli per gli stent coronarici presi come esempio, con il 71% della spesa tra 190 e 370 euro, e il 27% tra 420 e 470 euro. E’ la nostra spending senza tagli, è l’effetto dell’autoapplicazione in Veneto, e non da oggi, del criterio dei costi standard, o prezzi benchmark che dir si voglia, che andrà imposto in tutta Italia con severità, perché il medico pietoso è un medico pericoloso”.

“Ora che il quadro è chiaro, e le valutazioni sulla necessità dei costi standard oramai pressochè unanimi – aggiunge Zaia – è arrivato il momento di dare il colpo di reni finale, rendendoli operativi in tutta Italia per rispondere proprio all’analisi del Commissario alla spending Gutgeld, che indica il problema numero uno nei prezzi ancora troppo variabili”.

“Va fatto, va fatto presto, e va fatto anche per motivi di giustizia ed equità: in Italia ci sono il Veneto, altre Regioni, altri Presidenti, che combattono un battaglia quotidiana per la sostenibilità del sistema sanitario nazionale, ed è giusto, equo, indispensabile che si arrivi a convincere, o costringere, tutti a farlo, nessuno escluso, per nessun motivo, perché è ingiusto che continuino ad esserci formiche che sgobbano e cicale che sprecano. Se c’è da dare una mano mettendo a disposizione le nostre buone pratiche, noi ci siamo”.

In relazione alla notizia, è intervenuto anche l’Assessore alla Sanità della Regione Veneto Luca Coletto: “gli stent sono solo un esempio che possiamo definire top, ma in Veneto ce ne sono molti altri, grazie alla strategia di fare massa critica andando sul mercato attraverso la centrale unica per gli acquisti che abbiamo attivato fin dal 2011, perfezionando via via il meccanismo, fino a creare una catena virtuosa”.

“Non c’è solo risparmio, tiene a evidenziare Coletto – ma anche qualità, e quindi sicurezza per i pazienti. Gli acquisti, infatti, vengono decisi attraverso una catena virtuosa che lega tra loro la centrale unica acquisti, gli specialisti che danno le loro indicazioni sui tipi di materiali necessari a seconda della patologia, le indicazioni e relazioni delle diverse Società Scientifiche”.

“E’ per questo che in Veneto – dice Coletto – i costi sono per il 71% tra 190 e 370 euro e solo per il 27% tra 420 e 470. In altre Regioni, in realtà le variazioni sono forti ed evidenti. Nel Veneto non è una mancanza di omogeneità, ma una scelta consapevole che mette sempre a disposizione dei medici lo strumento di cura più adatto per ogni singolo paziente”.

“E’ un’esperienza che continuiamo ad affinare giorno per giorno – conclude Coletto – e che siamo pronti a condividere con chiunque voglia trovare il giusto equilibrio tra spesa e qualità degli acquisti”.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x