Sanità
Typography

“Possiamo rassicurare ragazzi, famiglie e operatori: non ci sarà nessun taglio nelle risorse regionali per l’assistenza, l’autonomia e la comunicazione degli alunni con disabilità sensoriale. L’impegno di spesa garantito nel 2015 trova copertura anche nel 2016”.

Lo dichiarano – in una nota congiunta – il vicepresidente della Giunta regionale Gianluca Forcolin (che ha anche la delega al bilancio) e l’assessore al sociale Manuela Lanzarin, dopo l’incontro a palazzo Ferro-Fini, sede del Consiglio regionale, con i rappresentanti degli operatori e delle associazioni dei familiari dei disabili sensoriali.

“Possiamo capire l’ansia dei genitori e la preoccupazione degli operatori a fine anno scolastico circa la ripresa del servizio dopo le vacanze estive. Ma l’impegno assunto un anno fa con le Province, gli operatori e i rappresentanti delle famiglie resta un obbligo per questa amministrazione – dichiarano Forcolin e Lanzarin – Domani la Giunta regionale ha in calendario l’approvazione dei criteri e delle modalità di riparto dei 35 milioni del finanziamento 2016 destinato alle Province venete e alla città metropolitana per le funzioni definite ‘non fondamentali’: un provvedimento che riserva circa 7 milioni alla copertura finanziaria dei servizi di assistenza agli alunni disabili, che prima della riforma Delrio erano garantiti dalle amministrazioni provinciali”.

“Inoltre, sempre domani – prosegue l’assessore al sociale Lanzarin – la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome darà il via libera al riparto del fondo di 70 milioni per l’assistenza agli alunni con disabilità, introdotto a seguito del riordino delle funzioni delle Province. Un riparto che per il Veneto vale circa 5 milioni di euro e che consentirà, quindi, di assicurare anche quest’anno i 12 milioni di euro necessari per finanziarie i servizi di assistenza e comunicazione ai minori disabili sensoriali”.

“Le risorse a bilancio, quindi, ci sono – concludono vicepresidente e assessore - non solo per coprire le spese sostenute per l’anno scolastico appena concluso, ma anche per assicurare il servizio per il prossimo anno scolastico. La Regione Veneto continuerà a garantire ai ragazzi con gravi problemi di vista e di udito e disabilità psicofisiche i servizi ausiliari indispensabili per la loro integrazione sociale e scolastica”.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x