Sanità
Typography

Il bilancio Veneto per il 2016 è stato approvato il 13 Febbraio. L’ Assessore Luca Coletto, sul fronte sanità, segnala due “significativi stanziamenti inseriti nel bilancio 2016 della Regione, approvato poco fa, che rafforzano su due ambiti molto diversi l’eccellenza veneta”. Il Governatore Luca Zaia esprime piena soddisfazione e ringrazia sia la maggioranza, sia l'opposizione, sottolineando che, quello approvato, “è un bilancio virtuoso che apre una nuova fase nella storia della Regione, su tanti fronti lasciata sola dallo Stato, ma che non lascia soli i suoi cittadini né le maggiori priorità del futuro”.

“L’alta tecnologia per la formazione dei medici e un servizio essenziale per la gente che vive in zone disagiate e poco antropizzate sono un segnale inequivocabile che la sanità è al centro dell’attenzione anche aldilà della buona gestione della quota parte del Fondo sanitario Regionale”.

Si tratta dei 250 mila euro l’anno, per tre anni, stanziati per la stabilizzazione e il funzionamento del Centro di Simulazione e Formazione Avanzata di medici e personale sanitario (Sifarv) dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona; e dei 400 mila euro, sempre l’anno per tre anni, con i quali la Regione supporterà l’esistenza e l’operatività delle cosiddette “farmacie rurali”, collocate in aree disagiate e poco abitate della Regione come, ad esempio, la montagna.

“Il Sifarv di Verona – fa notare Coletto – è una struttura di assoluta avanguardia, già anche premiata a livello nazionale, dove i nostri giovani sanitari possono affinare tutte le tecniche d’intervento, soprattutto in urgenza-emergenza, su veri e propri ‘Avatar’, manichini incredibilmente simili ad un corpo umano, grazie ai quali si può simulare persino un parto. L’importanza è straordinaria per la sicurezza dei pazienti, se solo pensiamo che statistiche americane dicono che un giovane medico può arrivare a 54 tentativi per eseguire correttamente un'intubazione. Se poi teniamo conto che l’attività della struttura è in attivo di cento mila euro nel 2015 grazie alle moltissime richieste di utilizzo da fuori regione, si può ben capire che siamo di fronte a una vera e propria eccellenza nazionale”.

“Per quanto riguarda le farmacie rurali – aggiunge l’assessore – abbiamo inteso garantire quello che definirei un vero e proprio servizio sociale, oltre che sanitario. Si tratta di punti vendita in aree talmente disagiate e poco abitate che farebbero fatica a sopravvivere con i soli proventi commerciali, ma che sono un servizio insostituibile per la gente che vive in quelle zone e che, diversamente, rischierebbe di doversi sobbarcare il disagio di percorrere anche molti chilometri per procurarsi una medicina, magari urgente”.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x