Sanità
Typography

Il Decreto non convince l’organizzazione: “il rischio è che la spesa per gli esami ricada sul cittadino”

Il Decreto appropriatezza sulle prescrizioni mediche del ministero della Salute non convince Altroconsumo, perché, secondo l’organizzazione, ha luci e ombre.
“Tagliare gli esami inutili – spiega in una nota - è virtuoso per le finanze pubbliche e per i cittadini: si evitano sprechi di denaro e rischi per la salute. L’unico scopo del provvedimento sembra però razionalizzare la spesa sanitaria in modo indiscriminato. Insieme a prestazioni non sempre appropriate sono state coinvolte anche prestazioni utili, come quelle odontoiatriche.”

Per Altroconsumo il rischio è che la spesa per gli esami ricada sul cittadino.
Se il medico lo riterrà opportuno prescriverà ugualmente gli esami su ricetta bianca, spostandone il costo interamente sui pazienti; un ulteriore taglio alla sanità; al cittadino resterebbero così due possibilità: rinunciare alle cure o a pagare per fare l’esame.
“L’appropriatezza non deve essere un’imposizione dall’alto su medici e pazienti – conclude - ma il frutto di un percorso comune tra professionisti sanitari e cittadini".

Altroconsumo da tempo insieme a Slow Medicine lavora per portare medici e pazienti  a scegliere con maggiore attenzione le cure e gli esami da prescrivere.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x