Sanità
Typography

ospedaleNel 2008, in Veneto, si sono verificati oltre 44 mila decessi

Se non è un primato poco ci manca: il Veneto è al secondo posto, in Italia, per numero di decessi dovuti a disturbi psichici e comportamentali e al terzo anche per numero di morti da tubercolosi. Lo dicono gli ultimi dati Istat (anno 2008) pubblicati nei giorni scorsi sul sito dell'Istituto nelle tavole che riportano la classifica dei decessi registrati in ciascuna provincia e regione dello Stivale. Con 1575 decessi per cause psichiche, dunque, il Veneto si piazza in cima all'elenco seconda solo alla Lombardia dove nel 2008 le morti per disturbi di questo tipo sono state 2.228.

Se si guardano inoltre i numeri delle dimissioni ospedaliere in seguito a trattamenti di disturbi psichici e comportamentali, si osserva in Veneto una curva a salire fra le più alte di tutte le regioni: 20.261 dimissioni ospedaliere in regime ordinario fra acuti, riabilitazione e lungodegenza cui se ne aggiungono altre 3.877 in regime di day hospital. Anche la tubercolosi, questa settimana balzata alla cronaca con il caso della prostituta ricoverata in un ospedale veneziano che ha fatto scattare l'allarme contagio, pur registrando numeri bassi sembra colpire più in Veneto che altrove: nel 2008 i decessi per Tbc sono stati 39, al primo posto di nuovo Lombardia che ne ha registrati 62 e al secondo il Lazio con 43; complessivamente, in Italia, le morti dovute a questa patologia sono state 390. Migliori, in proporzione, i dati dei decessi per malattie infettive e parassitarie che nel 2008 in Veneto sono stati 601 rispetto ai 1681 casi della Lombardia che rimane in testa alla classifica. A livello nazionale i morti per malattie infettive sono stati 8.393. Sempre più numerosi sono poi i decessi dovuti a cause fortuite come gli incidenti stradali, le cadute o gli avvelenamenti accidentali: in Veneto, nel 2008, si sono verificati 1.418 decessi di questo tipo e in tutta Italia i casi sono stati oltre 18 mila. Le cause per le quali si muore di più, in assoluto, restano tuttavia i tumori e le malattie di carattere circolatorio: su un totale di 44.260 decessi registrati in Veneto nel 2008, l'Istat rileva che quelli per cancro sono stati 13.973 e 16.652 quelli dovuti a problemi circolatori. Alla provincia di Venezia va il primato per il maggior numero di morti da tumore (1522), a Padova quello per i decessi causati da disturbi del sistema circolatorio (1344).

Paola Vescovi

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x