Sanità
Typography

ulss17_rid

Camminare per tenersi in forma, rilassarsi, magari fare nuove conoscenze, ma soprattutto per prendersi cura della propria salute. È questa la proposta del Servizio Educazione e Promozione della Salute dell'Ulss 17, un invito aperto a tutta la cittadinanza che si concretizza - già dal 2009 - in una serie di gruppi di cammino. L'iniziativa, realizzata in collaborazione con l'Unità Operativa Dipartimentale di Diabetologia, nasce dalla consapevolezza, supportata dai più recenti studi internazionali, della crescente diffusione del diabete nella società occidentale: già oggi ne è affetto il 3-4% della popolazione, con una percentuale che supera il 10% nell'età avanzata, e queste percentuali sono destinate a salire considerevolmente nei prossimi anni.

Una realtà che tocca da vicino anche la Bassa Padovana, dove il Servizio di Diabetologia dell'Ulss 17 al momento assiste ben 8.000 pazienti affetti da diabete di tipo 2. A rendere ancora più critici questi dati epidemiologici è poi il fatto che questa malattia è spesso aggravata da complicanze microangiopatiche e soprattutto macroangiopatiche che rappresentano la principale causa di morte nei diabetici. In questi pazienti, per contrastare l'elevato rischio cardiovascolare, è quindi spesso necessaria una terapia plurifarmacologica, che contribuisce ad aumentare il costo socio-sanitario della patologia e influenza pesantemente la qualità di vita del soggetto che ne è affetto. In questo contesto, è ormai dimostrato che l'esercizio fisico rappresenta un importante strumento di prevenzione e cura del diabete. L'attività fisica prescritta è il "cammino", che è stato proposto come attività strutturata ad hoc, attraverso veri e propri "gruppi di cammino" organizzati in collaborazione con la UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) di Padova, che mette a disposizione un laureato in scienze motorie per il supporto al personale infermieristico. Più in dettaglio, sono stati attivati dalla seconda settimana di settembre due gruppi di cammino che fanno capo uno alla sede della Diabetologia di Este e uno a quella di Monselice. I percorsi sono vari e coinvolgono anche comuni limitrofi per garantire piacevolezza e varietà dell'attività. I pazienti sono stati reclutati secondo criteri concordati, attraverso il Servizio di Diabetologia che già effettua visite ambulatoriali periodiche, e i gruppi sono composti ciascuno da un conduttore (l'infermiera di Diabetologia) e 25/30 pazienti di età compresa tra i 40 e i 60 anni, per un totale di oltre 50 pazienti che hanno già aderito all'iniziativa.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x