Sanità
Typography

In occasione della giornata mondiale dell'Alzheimer presentato un progetto mirato al sostegno e alla formazione di chi assiste i malati di demenza

Il 21 settembre si celebra, in tutto il mondo, la giornata dedicata all'Alzheimer: un'occasione per sensibilizzare su questa impegnativa patologia e per far conoscere l'importante progetto volto al sostegno e alla formazione di chi assiste i malati di demenza, promosso e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, che nel territorio del Bassopolesine ha avviato una collaborazione con l'Azienda Ulss 19.

Così è nato il "Progetto Alzheimer: formazione e sostegno a coloro che assistono il malato di demenza realizzato assieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. L'obiettivo di tale progetto è di contribuire a migliorare la qualità di vita dei malati di demenza e delle loro famiglie attraverso interventi di sostegno alla rete familiare; l'implementazione di una rete di servizi territoriali, semi residenziali e residenziali, in grado di rispondere efficacemente al problema della cura dei malati di demenza; una maggior conoscenza delle problematiche relative alla demenza. Nascono così il centro di ascolto e la linea telefonica dedicati, si rafforza la programmazione dei "caffè Alzheimer" e, dopo l'attività di informazione alla popolazione effettuata nei mesi scorsi in tutti e dieci i Comuni del Bassopolesine, è stata ora avviata la formazione destinata ai medici di Medicina generale, o medici di famiglia, agli operatori sanitari impiegati nell'assistenza del malato nelle strutture residenziali protette, ai familiari, ai volontari e alle badanti.

"Alla realizzazione di questo progetto" commenta il Direttore generale Ulss 19 Giuseppe Dal Ben "ha contribuito la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, da sempre vicina alle necessità della gente, impegnando risorse per il rafforzamento di un sistema di rete che consenta alla famiglia del malato di demenza di non sentirsi più abbandonata al proprio problema".

Antonio Finotti, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, dichiara: "Con il progetto Alzheimer abbiamo voluto mettere a disposizione dei familiari dei malati di Alzheimer, delle badanti e degli operatori professionali alcuni strumenti utili ad affrontare una patologia particolarmente complessa, con l'obiettivo di migliorare le condizioni di chi ne è affetto. Si tratta di un'iniziativa che si ricollega all'impegno in ambito sociale, uno dei settori di intervento della nostra Fondazione, e che intende contribuire a fare fronte ad una malattia dall'impatto dirompente non solo su chi ne è vittima, ma anche su coloro che si devono prendere cura del malato". La "Giornata dell'Alzheimer" sarà celebrata venerdì 30 settembre, con inizio alle ore 9, all'ostello Amolara di Adria con un convegno che, partendo dalla descrizione della realtà locale, proporrà varie soluzioni ai problemi legati alle demenze: sarà dato particolare risalto alla presa in carico delle situazioni multiproblematiche e all'integrazione dei servizi.

Giacomo Piran

 

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x