Sanità

Turni potenziati, nel Reparto di Malattie Infettive dell'Ospedale Civile di Venezia. Il carico di lavoro è aumentato di tre, quattro volte rispetto ai periodi di normale attività. Ma all'interno della squadra, che ora lavora con tre infermieri per turno, anche di notte, si respira un clima di attenzione e collaborazione: "E' aumentata alla responsabilità - spiega la dottoressa Erika Morelli, in turno di domenica mattina - ed è sicuramente aumentata la tensione:sentiamo di dover dare, anche di fronte a questo aumento dei casi, la stessa cura e la stessa assistenza a tutte le persone ricoverate".

Prima del prossimo 3 aprile, data nella quale dovrebbero scadere le restrizioni negli spostamenti e il blocco alle attività produttive, è quasi certo che arriverà dal Governo una proroga delle misure. L'obiettivo è di tenere "piatta" la curva dei contagi ed evitare che ricorrenze come Pasqua possano vanificare i sacrifici compiuti finora dagli italiani.

Il contributo di Anisap Veneto - Trentino Alto Adige è arrivato a destinazione.Il gesto di solidarietà degli associati, di cui avevamo parlato in questo articolo, è stato versato sul conto corrente aperto dalla Regione Veneto per fronteggiare l'emergenza coronavirus. Edè per questo che il presidente della Regione Luca Zaia, con una lettera al presidente di Anisap Veneto - Trentino Alto Adige Giuseppe Caraccio, ha voluto ringraziare gli autori della donazione.
«La ringrazio - scrive Zaia - per le Sue parole di vicinanza, ancor più gradite in questo momento di emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Stiamo davvero lavorando sodo e con determinazione per salvare vite umane. La tutela della salute dei nostri cittadini è una questione di primaria importanza, è un diritto sancito dalla Costituzione. Ognuno deve, quindi, fare la propria parte, anche se con sacrificio, ma certamente per uno scopo che va a beneficio di tutti. Ho apprezzato, pertanto, molto il gesto di generosità e il contributo di solidarietà degli Associati Anisap Veneto - Trentino Alto Adige. Questo è un momento cruciale e abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti, perché continuando a essere una squadra coesa, faremo fronte comune anche in questa difficile battaglia. Vi ringrazio perché fedeli alla vostra mission, avete dato prova di spirito collaborativo lavorando in sicurezza, seguendo scrupolosamente i protocolli anti-contagio per garantire la salute dei cittadini e dei professionisti e degli operatori che operano presso le vostre strutture sanitarie. Con l’augurio di superare quanto prima questa drammatica situazione, vi rinnovo la mia gratitudine per la donazione e saluto Lei e tutti gli associati Anisap Veneto - Trentino Alto Adige».

Nuovi letti, con le specifiche strumentazioni per il regime di terapia intensiva: nell'Ospedale di Dolo procede a ritmo serrato l'ampliamento dell'"area Covid-19": "Stiamo mettendo a disposizione dell'intero territorio dell'Ulss 3 Serenissima - spiega il Direttore Generale, Giuseppe Dal Ben - una vasta area dedicata alla gestione di pazienti contagiati. Si ampliano così gli spazi già attivi e già posti al servizio dei malati: prima dell'inizio dell'emergenza la Rianimazione dell'Ospedale di Dolo era attrezzata con 6 posti letto, con un numero tarato cioè a quelle che erano le esigenze dell'Ospedale locali; ora lavoriamo per arrivare ad una terapia intensiva in cui le postazioni saranno ben 35, collocate negli spazi attigui al nucleo iniziale, senza escludere poi ulteriori potenziamenti".

Trentuno sedute di Teleriabilitazione Logopedica in una settimana, verso le 40 nella seconda: sono quelle organizzate dal Centro Fisioterapico Padovano di Cadoneghe e nel Centro Medico Fisioguizza di Padova.
Le due strutture, dirette dal dottor Giuseppe Caraccio, fanno parte del Gvdr - Gruppo Veneto Diagnostica e Riabilitazione. Il progetto intende aiutare gli Utenti continuando a seguirli anche durante l’Emergenza Sanitaria “Covid19 – Coronavirus”.

Altri articoli...

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x