Sanità

All'Ospedale di San Donà di Piave, un'attenzione specifica per i bambini che devono essere sottoposti ad intervento chirurgico.

Un bambino resta un bambino, anche quando entra in sala operatoria. Anzi, proprio la delicatezza della situazione impone un atteggiamento pediatrico esclusivo. Il reparto di chirurgia pediatrica non esiste , ovviamente,  in tutti gli ospedali. Per sopperire a questa mancanza, a San Donà di Piave, hanno progettato il percorso pediatrico. Un'iniziativa delle unità operativ e di Pediatria e di Anestesia, in collaborazione con i reparti di Chirurgia, Ortopedia e ORL. I piccoli pazienti che dovevano subire un intervento chirurgico di elezione, fino ad ora venivano ricoverati nella chirurgia degli adulti. Il "percorso pediatrico" invece prevede la gestione specifica di ricovero del bambino effettuato al reparto di Pediatria; gli specialisti di Anestesia, Ortopedia, Orl e Chirurgia, provvedono in questo contesto ad attuare un trattamento privilegiato (ciascuno per la propria competenza) con lo scopo di diminuire ai minimi termini l'impatto di tutto ciò che avviene durante il ricovero e di essere vicini anche ai genitori dei "piccoli" pazienti.

I dati sono forniti dal Coordinamento regionale per le attività trasfusionali

Il Crat ha comunicato i dati delle donazioni e dei consumi di globuli rossi in questi primi otto mesi. I dati sono confortanti: la raccolta è cresciuta del 3,6 % attestandosi a 170650 sacche con più 5966 rispetto all'anno scorso mentre i consumi sono cresciuti del 0,6 % attestandosi a 155448 sacche con più 960. La programmazione prevedeva per quest’anno un incremento del 3 % della raccolta e del 2% del trasfuso. Quindi, per il momento, la raccolta e il consumo sono in linea con la programmazione.

Il Veneto si conferma ai vertici nazionali per cure e strutture

Ogni giorno in Italia 660 persone vengono colpite da ictus, solo pero' in poco più della metà dei casi viene diagnosticato correttamente. Lo rileva un 'indagine della Federazione Alice Italia Onlus, condotta in collaborazione con il Censis e l'università di Firenze all'interno di un progetto finanziato dal ministero della Salute. Il 29 ottobre si celebra la giornata mondiale per la cura dell'ictus. I risultati sono stati illustrati nei giorni scorsi al Policlinico Umberto I di Roma.

L'azienda sanitaria di Padova comunica che dal 1 Novembre 2010, la dott.ssa Maria Laura Chiozza prenderà incarico come Direttore dell'U.O.C. Qualità e Accreditamento.

 La pediatria di Padova capofila di un progetto internazionale

 Non basta dimezzare le dosi. Per i bambini bisogna studiare medicine su misura. E non utilizzare quelle per adulti. La ricerca internazionale si sta mobilitando in questa direzione. E sta per partire un progetto che coinvolge venti realtà mondiali e mille ricercatori che dovranno elaborare farmaci solo ad uso pediatrico. Un piano ambizioso che sarà coordinato dal Dipartimento di Pediatria di Padova, diretto dal Giorgio Perilongo. Capofila, della squadra euganea che seguirà la sperimentazione, Carlo Gianquinto. Lo studio prevede la partecipazione, tra gli altri, del National Institute of Health degli Usa, l'Agenzia Europea del Farmaco, l'Organizzazione mondiale della Sanità , l'Ente regolatore giapponese.

Altri articoli...

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x