Sanità

Linaugurazione_dolo_rida struttura è grande oltre mille metri quadrati e conta 15 posti letto

E' stato inaugurato venerdì mattina, alla presenza dell'assessore regionale alla sanità Luca Coletto e del direttore generale dell'Asl 13 Arturo Orsini, il nuovo reparto di Psichiatria dell'ospedale di Dolo. Il padiglione, che si trova nel nuovo monoblocco, si sviluppa su una superficie di circa 1200 metri quadrati, è dotato di 15 posti letto, come la precedente sede del reparto, ed è costato oltre 2,7 milioni euro.

Non aveva altre malattie

Una donna di 53 anni è morto all'Ospedale di Portogruaro, in provincia di Venezia, in seguito alle conseguenze del' virus dell'influenza A , a cui il tampone ha dato esito positivo. La paziente questa volta , non era affetta da malattie pregresse e non era stata vaccinata.

Tre ricoveri al reparto infettivi , una recrudescenza della malattia che ha colpito in prevalenza adulti tra i 20 ed i 50 anni.

Definirlo allarme è probabilmente eccessivo ma non è tanto comune che tra le decine di contagiati, in provincia di Padova, la quasi totalità,il 92 per cento, abbia  tra i 20 e i 40 anni, ed anche oltre. "Tre le persone che si sono rivolte al nostro reparto- evidenzia il prof. Carlo Gianquinto direttore di infettivologia dell' Azienda Ospedaliera di Padova. Si tratta di tre adulti che o non si sono vaccinati o non hanno avuto il morbillo in precedenza. Il morbillo è ancora in circolazione, anche se in forma molto ridotta , è normale che possa contagiare chi non l'ha avuto da piccolo. Il livello di guardia dei sanitari si è giustamente elevato : monitorano il numero dei contagiati e la preoccupazione della popolazione. Tra i tre ricoverati , c'è una donna di cinquanta anni, lavora in un asilo: niente di più facile aver paura per i piccoli alunni, ma tutti i bimbi erano stati precedentemente vaccinati . L'altro ricovero agli infettivi è un paziente che aveva un'immunodepressione, per il quale sono più rischiose le malattie che il morbillo può sviluppare quali la broncopolmonite, l'encefalite, la miocardite . Il terzo caso è un paziente che aveva appena subito un intervento chirurgico" .

Il Ministro alla Salute, ha stanziato per il Veneto 360 milioni di euro, ma gli altri presidenti di regione, nicchiano

Dibattito in corso alla ripresa della conferenza delle regioni a Roma, tra i vari governatori. Il riparto del fondo sanitario come delineato da Ferruccio Fazio, non convince. Il Veneto in prima linea a difendere un riconoscimento di una politica di eccellenza, al servizio anche del resto del paese. Si è conclusa la commissione congiunta Sanità e Bilancio della Conferenza delle Regioni chiamata ad un primo esame del riparto del Fondo sanitario 2011.

Nessun allarme, ma chi è a rischio deve vaccinarsi

Una donna di 56 anni, con grave patologia cronica (sclerosi multipla) e positiva al tampone dell'influenza H1N1, è deceduta all'ospedale di Legnago, in provincia di Verona. Il caso è stato confermato dalla direzione regionale prevenzione. Ne dà notizia l'assessore alla sanità Luca Coletto. Si tratta del terzo decesso registrato negli ospedali veneti dall'inizio dell'epidemia stagionale (un quarto cittadino veneto, residente nel territorio dell'Ulss 10 Veneto Orientale, era deceduto a Trieste).

Altri articoli...

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x