Sanità

Con centonovanta mila euro l'anno garantiscono l'integrazione scolastica, i servizi di accompagnamento, la scelta e l'addestramento per l'uso degli ausili informatici. Supporti che rischiano di non essere più erogati andando a ricadere sulle già magre finanze dei comuni e delle aziende sanitarie. E' quanto potrebbe succedere se la Regione, in vista di licenziare il bilancio, confermerà la scelta di non rinnovare i contributi alle associazioni maggiormente rappresentative di assistenza agli invalidi. Fra queste c'è anche l'Unione Italiana Ciechi che in Veneto conta 3.200 iscritti (ma i ciechi assoluti e parziali sono otto mila e gli ipovedenti sono 20 mila).

Il dottor Giampietro Rupolo, direttore sanitario dell'Azienda Ospedaliera di Padova, è stato nominato dal Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, membro della nuova Commissione Nazionale della Ricerca Sanitaria, quale rappresentante della Regione del Veneto. I 30 nuovi componenti con diritto di voto della Commissione si sono insediati ufficialmente il 25 gennaio 2011, sotto la presidenza del Ministro della Salute e resteranno in carica fino al 21 luglio 2012. 

"Non la racconta giusta l'Assessore regionale Sernagiotto in merito ai contributi regionali alle IPAB per il ricovero e l'assistenza agli anziani. Va detto con chiarezza che il fondo per la non autosufficienza non potrà nel periodo 2011-2013 giovarsi dei trasferimenti nazionali, giacché la Legge di Stabilità, con buona pace della pretese centralità della famiglia, ha azzerato il relativo fondo". Così Gabriele Scaramuzza, responsabile provinciale sanità del Pd, commenta le parole di Sernagiotto sulla riforma del settore che numerose polemiche ha suscitato nei giorni scorsi.

Il virologo Giorgio Palù: "Si vaccini il personale medico-sanitario"

"Quest'anno i più colpiti dall'influenza sono i giovani adulti, la fascia d'età al di sotto dei trentanni che poco si vaccina. Gli anziani, invece, nella loro vita sono già venuti in contatto altre volte con il virus. A differenza dello scorso anno siamo di fronte ad un picco unico che andrà progressivamente scemando verso la metà di febbraio. Vaccinarsi, lo ricordo, è ancora possibile ed è sempre preferibile".

Due anni fa, il 9 febbraio 2009, moriva tra le polemiche Eluana Englaro e oggi, giorno della sua scomparsa, si celebra la Prima Giornata nazionale degli Stati Vegetativi, istituita il 26 novembre scorso dal Governo su proposta del ministro della Salute Ferruccio Fazio per promuovere attraverso iniziative di sensibilizzazione e solidarietà, l'attenzione e l'informazione su questo tipo di disabilità che coinvolge oltre al malato, in maniera assai rilevante, i familiari.

Altri articoli...

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x