Sanità

sinigaglia"Non credo ci sia un accanimento della Regione Veneto nei confronti dei privati accreditati. E' indubbio il loro ruolo strategico nella sanità, sia in qualità di piccoli-medi interventi che di interventi di eccellenza. La verità è che stiamo vivendo un momento storico difficile per mancanza di risorse. Tutti dobbiamo quindi tirare la cinghia, pubblico e privato".

Inaugurato il monoblocco delle degenze, primo passo verso la completa ricostruzione

La paura era quella che potesse essere definitivamente chiuso, nel piano di razionalizzazione delle strutture ospedaliere della provincia. Invece il nosocomio di Montebelluna sta rinascendo. Una ricostruzione che insieme a quella dell'Ospedale di Castelfranco rappresenta il più significativo intervento in ambito sanitario attraverso project finincing. 77 milioni di euro la spesa per la ricostruzione del nosocomio a fronte della gestione di servizi per 24 anni. Il primo monoblocco ricostruito dell'Ospedale è stato inaugurato. E' il nuovo padiglione degenze, il cosiddetto padiglione quintuplo. Il taglio del nastro è avvenuto nel giorno di San Valentino, il santo a cui l'intera struttura ospedaliera è intitolata. Un giorno che è stato anche funestato da un principio di incendio nei vecchi reparti. Un corto circuito sviluppatosi nel tetto sopra al pronto soccorso, ha costretto l'evacuazione delle sale per un'ora.

Cinquant'anni, donna: è questo l'identikit del paziente psichiatrico in cura presso i servizi territoriali e gli ospedali del Veneto secondo l'ultimo rapporto sulla salute mentale presentato oggi dall'assessore regionale Luca Coletto presso l'Ulss 20 di Verona insieme allo psichiatra Michele Tansella, preside della facoltà di Medicina della città scaligera.

Salgono a 15 le persone decedute per influenza in Veneto. Anche gli ultimi due casi riguardano pazienti con gravi patologie in corso. Un uomo di 47 anni, affetto da linfoma di Waldenstrom e positivo al tampone dell'influenza H1N1, è deceduto all'ospedale San Bortolo di Vicenza. Il paziente risiedeva a Feltre (Belluno). Il decesso è stato notificato oggi alla direzione regionale prevenzione. L'altro decesso è quello di una signora di 75 anni  malata di leucemia metamielocitica e residente a Vigonza (Padova), che era ricoverata all'Azienda Ospedaliera di Padova.

antonio_raviele_ridStress lavorativo, vita sedentaria, fumo: sono questi, al giorno d'oggi, i fattori di rischio per l'insorgenza delle malattie cardiovascolari che ogni anno causano la morte, in Italia, di circa 250mila persone, vale a dire la metà del totale dei decessi annui del Paese. Nella settimana dedicata alla campagna "Per il tuo cuore", organizzata dall'associazione nazionale medici cardiologi, l'obiettivo è volto a sensibilizzare la popolazione a più corretti stili di vita e a sostenere la ricerca nel campo.

Altri articoli...

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x