Sanità

Approvata oggi la delibera dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alla sanità Luca Coletto

Mantenere alto il livello di qualità dei servizi contenendo i costi. E' quello che la Regione chiede ai direttori generali delle Ullss e Aziende ospedaliere del Veneto approvando oggi, su proposta dell'assessore alla sanità Luca Coletto, gli obiettivi per gli anni 2011 e 2012.

Era una donna con un quadro clinico già compromesso

Una donna di 41 anni, con gravi patologie croniche (diabete ed insufficienza mentale) e positiva al tampone dell'influenza H1N1 è deceduta all'ospedale di Conegliano Veneto (Treviso). Il caso è stato confermato dalla direzione regionale prevenzione. Ne dà notizia l'assessore regionale alla sanità Luca Coletto. La paziente, che non era vaccinata, era stata ricoverata domenica 9 gennaio con febbre alta ed era subito stata trasferita in rianimazione per l'aggravarsi delle sue condizioni. E' il secondo decesso in Veneto, dopo quello di Vicenza nei giorni scorsi. "Si tratta di casi che addolorano – sottolinea Coletto – ma rispetto ai quali non bisogna allarmarsi, perché rientrano in pieno nella casistica annuale.

Eseguito a Padova, il primo test per inviduare l'antigene che causa rigetto nei trapianti

Messo a punto il primo test al mondo per riconoscere sui tessuti molli degli animali la presenza dell'antigene alfa-gal che, se presente nei tessuti o negli organi trapiantati nell'uomo, è responsabile di reazione iperacute di rigetto.La ricerca, pubblicata sull'ultimo numero di «Acta Biomaterialia», è stata condotta dal gruppo di ricercatori dell'Università di Padova diretto dal professor Gino Gerosa, Direttore della Cardiochirurgia, e composto tra gli altri dal professor Michele Spina e dai ricercatori Naso, Gandaglia e Iop.Una volta individuata la presenza dell'antigene alfa-gal, i ricercatori hanno messo a punto una tecnica che permette l'eliminazione dell'antigene da diversi tessuti animali quali il pericardio o le valvole di maiale, rendendoli così utilizzabili nell'uomo evitando il rigetto iperacuto.

21, 4 persone ammalate ogni diecimila abitanti, contro una media nazionale di 37,9 . L'incidenza dell'influenza in Veneto è inferiore rispetto al resto del paese. Il dato emerge dal monitoraggio settimanale della Direzione Prevenzione della Regione, un controllo effettuato dalla rete di sorveglianza nel territorio formata da 88 medici di base, i medici "sentinella" che registrano oltre all'incidenza della sindrome , anche caratteristiche, sintomatologia ed evoluzione. Le persone colpite dalla malattia sono state sinora 10.450 . "L'incidenza- sottolinea l'assessore alla sanità Luca Colettto – è in linea con l'andamento delle stagioni precedenti, escludendo l'anno scorso, quando la nuova influenza H1N1 aveva raggiunto il picco già a novembre. La situazione è normale e sotto controllo"

Antonella Prigioni

 

Luca_Coletto_ridLa Regione stanzia 21 milioni per l'Ulss 13

"Chiudere l'ospedale di Dolo? E chi l'ha detto? Non esiste assolutamente un disegno regionale di questo tipo. Tagliare qualche suo servizio? Non mi risulta. Quello che invece potrebbe accadere è una razionalizzazione dei servizi dell'ospedale dolese per evitare i doppioni. Se ci sono due ospedali vicini, infatti, non ha senso che esistano reparti simili". E' rassicurante l'assessore regionale alla Sanità Luca Coletto sulle sorti dell'ospedale di Dolo, nel veneziano, su cui, negli anni, forse anche per motivi di campanilismo con l'altro ospedale, quello di Mirano, si è paventata più volte una chiusura o comunque un ridimensionamento della struttura e dei servizi ospedalieri.

Altri articoli...

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x