Sanità

Il 31 dicembre 2019 la Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan (Cina) ha segnalato all’OMS (organizzazione Mondiale della Sanità) un cluster di casi di polmonite ad eziologia ignota nella città di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei. Pochi giorni dopo, il 9 gennaio 2020, il Centro per la Prevenzione e il Controllo delle malattie (CDC) cinese ha riferito che è stato identificato un nuovo coronavirus (2019-nCoV) come agente causale ed è stata resa pubblica la sequenza genomica. Il 30 gennaio 2020 l’Organizzazione Mondiale della sanità ha dichiarato che questa epidemia rappresenta un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale.

NES202001 1Siamo a fine luglio e nel frattempo è cambiato il mondo. Al momento di andare in stampa, il coronavirus Covid-19 ha contagiato 10 milioni di persone in tutto il pianeta, non risparmiando nessuna area. I morti sono quasi mezzo milione. Ad oggi sono quasi 2 milioni e mezzo i positivi negli Stati Uniti d’America, un milione e duecentomila in Brasile.
L’Italia è il quarto paese europeo per numero di contagi (250mila) e il secondo per numero di decessi (circa 35mila, contro i 43mila del Regno Unito).

In questi mesi abbiamo provato sulla nostra pelle il lock-down, la paura per un nemico sconosciuto; sono entrate nelle nostre vite nuove abitudini come il distanziamento sociale, l’uso di guanti e mascherine, i gel disinfettanti. Abbiamo pianto i nostri morti senza poter celebrare un funerale, abbiamo lavorato da casa (chi almeno ha avuto la fortuna di poterlo fare) e gli studenti hanno trascorso un intero quadrimestre studiando con la didattica a distanza.
La situazione - seppur sotto controllo - è però ancora in evoluzione. All’orizzonte non si vede un vaccino e la paura che in autunno, con il ritorno del freddo e delle infezioni polmonari, si torni al punto di partenza, è palpabile.

Oggi torniamo in distribuzione con la versione cartacea di NES Nord Est Sanità, dopo essere stati costretti a fermarci anche noi in marzo. Un numero speciale, con ampio spazio dedicato al coronavirus. I numeri, i dati, le interviste ai protagonisti: dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia agli scienziati, Giorgio Palù, Roberto Rigoli, Antonella Viola. E poi l'esperienza dei DG delle Ulss venete, e tante testimonianze, dal mondo della sanità - con il vicepresidente della Fnomceo Giovanni Leoni - a quello dello sport e dell'arte.

Facciamo anche il punto sul futuro prossimo con il presidente di Confindustria Veneto Enrico Carraro mentre il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Andrea Martella ci ricorda l'importanza dell'informazione sanitaria. 

Il numero di luglio è ricco di molti altri argomenti: troverete il resoconto di un importante convegno sul linfedema e una visita alla mostra del maestro Elio Armano, organizzata in occasione dei suoi 75 anni.

Potete trovare la copia cartacea di NES Nord Est Sanità in molte strutture sanitarie venete o scaricarne una copia a questo indirizzo: http://www.nordestsanita.it/rivista.html.

Buona lettura a tutti!

 

“E’ arrivato come un fulmine a ciel sereno. Sarebbe stato meglio, da parte del Governo, usare il buon senso perché in questo caso non stiamo parlando di chissà quale strana operazione, ma della gemmazione di una facoltà, di un corso di laurea in medicina e chirurgia a Treviso, una sede che ha già otto cliniche universitarie, i primi anni di insegnamento, e che con questa legge completa un ciclo virtuoso iniziato molti anni fa”.

In Veneto è previsto il coinvolgimento di circa 10.500 unità, distribuite per provincia, sesso, attività e sei classi di età. Gli esiti dell’indagine, diffusi in forma anonima e aggregata, potranno essere utilizzati anche per altri studi scientifici. Le persone estratte dall’ISTAT saranno contattate telefonicamente da un numero che inizia per 065510

Altri articoli...

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x