Sociale
Typography

gruppocolomboI "libri a quattro zampe" del corso socio-sanitario per i piccoli degenti della pediatria dell'ospedale S. Maria Regina degli Angeli

Le studentesse della 1'B del corso socio- sanitario dell'istituto tecnico Colombo di Adria hanno donato, al reparto di pediatria dell'ospedale Santa Maria Regina degli Angeli, una piccola biblioteca di "libri a quattro zampe" progettati e realizzati con le proprie mani. Il corso socio- sanitario, attivato quest'anno per la prima volta al "Colombo" di Adria, intende far acquisire le competenze necessarie per organizzare ed attuare interventi adeguati alle esigenze socio-sanitarie di persone e comunità, per la promozione della salute e del benessere bio-psico-sociale.

Assieme all'insegnante di "metodologie operative" Morena Berton, queste studentesse si sono cimentate nello studio e nella concretizzazione di un'iniziativa che potesse contribuire a migliorare la degenza ospedaliera ai bambini. Hanno così pensato ad una piccola biblioteca composta di libri interamente fatti a mano, con materiale riciclato, e che presentassero storie inedite con gli animali come protagonisti. Un impegno che si è concluso e che da oggi è in dotazione alla sala giochi della pediatria per allietare le ore trascorse dai bambini in questo reparto di degenza ospedaliera. Alla consegna ufficiale della biblioteca erano presenti, oltre le studentesse, il dirigente scolastico della "Colombo" Ave Frescaroli, l'insegnante Morena Berton, il direttore dell'unità di Pediatria Franca Scolaro assieme alla caposala Ornella Domeneghetti (vedi foto). La dottoressa Scolaro ha ringraziato scuola e ragazze per il gradito dono, che associa valore didattico a valore affettivo in quanto è stato pensato proprio per i bambini ricoverati in ospedale. "Con questa donazione- commenta il direttore generale Ulss 19 Giuseppe Dal Ben- il neonato corso socio-sanitario ha indicato la strada di una possibile collaborazione che, quando queste studentesse arriveranno in terza, potrebbe svilupparsi con una loro partecipazione più attiva alle attività delle strutture socio- sanitarie del Bassopolesine".

Giacomo Piran

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x