Ambiente
Typography

mirco_gastaldon_rid

Sull'acqua e sulla sua disponibilità si misura oggi una battaglia democratica fondamentale, di cui gli enti locali devono farsi portavoce. Anche il Comune di Cadoneghe ha dato il proprio apporto, sostenendo la campagna "Acqua bene comune" promossa dal Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua. I cittadini hanno capito che la posta in gioco è alta: il nostro Parlamento ha adottato quasi in sordina un provvedimento che obbliga i Comuni a mettere le loro reti sul mercato entro il 2010, anche quando i servizi funzionano perfettamente e i conti tornano. L'acqua è il business del futuro e ora rischia di non essere più diritto collettivo e di diventare un bisogno individuale, una merce come un'altra che si può avere solo pagando.

 

La raccolta di firme è stato un atto democratico di importanza fondamentale, perché ha messo i cittadini nella condizione di capire che se i Comuni perdono anche il controllo dell'acqua e delle fognature, andrà perduto un altro presidio di sorveglianza del territorio, cioè una parte importante della stessa ragione d'essere di un governo locale vicino alle esigenze primarie dei cittadini, ai loro diritti fondamentali. Solo la gestione pubblica dell'acqua può garantire equità. I privati, com'è logico che sia, ragionano in termini di ritorno degli investimenti, non di bene comune.

La cancellazione degli Ato dalla gestione del ciclo integrato dell'acqua avverrà di fatto entro il 31 dicembre 2010; entro tale data la Regione Veneto dovrà legiferare sul riordino territoriale che vedrà la sostituzione di vari Ato, fra cui probabilmente il nostro, l'Ato Brenta, con un unico coordinamento regionale. Non occorre essere dei veggenti per capire che si tratterebbe di un provvedimento grave: attualmente Ato Brenta coordina gli interventi idraulici su un territorio che comprende 73 Comuni di 3 province (Padova, Vicenza e Treviso), per un totale di 522 mila abitanti, e rappresenta una dimensione amministrativa ottimale, con bassi costi di struttura. Centralizzare tutto in pochi Ato significa non solo andare contro i principi del federalismo, allontanando di fatto i centri decisionali dal territorio, ma anche consegnare poteri assoluti ai Comuni capoluogo. Inoltre, non ci sarebbe alcun risparmio di risorse per la collettività.

Occorre dirlo con chiarezza: il valore dei gestori locali, come Etra, nel nostro caso, non va disperso. Etra – gestore salvaguardato che oggi ha l'incarico dall'Ato – raggiunge oggi un fatturato di 160 milioni di euro e da sempre riversa sul territorio forti investimenti per il miglioramento e la salvaguardia della qualità dei servizi. Gettare via tutto questo sarebbe da irresponsabili e andrebbe a vantaggio di realtà private – magari grandi multinazionali – che nulla avranno a che vedere con il territorio. A fine anno ci saranno le gare. Sarà una partita cui i Comuni non potranno mancare. Ce lo chiedono i cittadini, ce lo chiede il buon senso.

Mirco Gastaldon

Sindaco di Cadoneghe (Padova)

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x