Ambiente

La proposta è stata fatta dall'assessore regionale Maurizio Conte

Un’unica autorità regionale per la gestione dell’acqua. E’ la proposta avanzata dall’assessore veneto all’Ambiente Maurizio Conte intervenuto nei giorni scorsi al convegno “Sicurezza idraulica e agricoltura” organizzato dalla Confederazione italiana agricoltori del Veneto al palazzetto dello Sport di Casalserugo, paese in provincia di Padova duramente colpito dall’alluvione dello scorso novembre. “Esiste l’acqua - ha spiegato l’assessore Conte - che va valutata nel suo complesso, criticità e opportunità. Dobbiamo ricordare, tanto per fare un esempio, che il Veneto ha il maggior bacino europeo di acqua di falda, sia per qualità, sia per quantità. E’ un patrimonio di cui dobbiamo tenere conto. Nello stesso tempo è chiaro che per risolvere i problemi di sicurezza idraulica del territorio è necessario un riordino generale in collaborazione con i Consorzi di bonifica. Non posso pensare di vedere nel territorio situazioni di conflittualità tra associazioni di categoria o tra territori diversi che facciano perdere di vista il principale obiettivo che è quello della gestione delle acque”.

spiaggia_jesoloL'edizione 2011 riconferma al primo posto la LiguriaEraclea, Caorle, Cavallino, Jesolo, Bibione, Lido di Venezia: sono le spiagge venete promosse dalla 25esima edizione di Bandiera Blu, il riconoscimento assegnato dalla Fondazione per l'educazione ambientale (Fee) in collaborazione con il Consorzio nazionale batterie esauste (Cobat) ed Enel Sole.  Il Veneto conferma dunque le stesse località delle precedenti edizioni, senza perdere né guadagnare punteggio, mentre il panorama complessivo delle spiagge italiane promosse vede quest'anno due
nomi in più per un totale di 233 località.

cementificazioneIl Rapporto Legambiente registra un consumo di suolo del 22%

L'erba del vicino è sempre meno verde: ogni anno, nel nostro Paese, scompaiono sotto il cemento 10 mila ettari di territorio e i dati più allarmanti provengono dalla pianura veneta centrale, tra Venezia, Padova, Vicenza e Treviso dove la porzione consumata è del 22%. Non si salvano nemmeno le province alpine con l'Alto Adige che, in termini di territorio effettivamente insediabile (quindi, in sostanza, le aree di fondovalle), ha già sacrificato oltre il 28% dei suoi terreni.

Al via il 4 maggio Solarexpo, fiera dell'energia rinnovabile

L'Italia e la Green Economy. E' questo il tema che aprirà Solarexpo, la mostra-convegno internazionale sulle energie rinnovabili in programma dal 4 al 6 maggio. Con i suoi 1.400 espositori provenienti da 40 paesi di tutto il mondo, 11 padiglioni espositivi e 70mila visitatori professionali attesi, il grande evento nel cuore del Veneto dedicherà l'apertura agli "stati generali" della Green Economy in Italia e alla sfida che le rinnovabili lanciano al nucleare. In agenda il tema caldo degli sconvolgimenti generati nel panorama energetico mondiale dallo 'tsunami nucleare' e dalle tensioni in Nord Africa: è cioé l'opportunità concreta per le energie rinnovabili di candidarsi a un ruolo centrale nei sistemi energetici dei paesi avanzati già all'orizzonte del 2020, e a crescere ancor più nei decenni successivi.

mirco_gastaldon_rid

Sull'acqua e sulla sua disponibilità si misura oggi una battaglia democratica fondamentale, di cui gli enti locali devono farsi portavoce. Anche il Comune di Cadoneghe ha dato il proprio apporto, sostenendo la campagna "Acqua bene comune" promossa dal Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua. I cittadini hanno capito che la posta in gioco è alta: il nostro Parlamento ha adottato quasi in sordina un provvedimento che obbliga i Comuni a mettere le loro reti sul mercato entro il 2010, anche quando i servizi funzionano perfettamente e i conti tornano. L'acqua è il business del futuro e ora rischia di non essere più diritto collettivo e di diventare un bisogno individuale, una merce come un'altra che si può avere solo pagando.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x