Info Ulss
Typography

Sono circa 95 mila le mascherine di varia tipologia fornite fin qui alle strutture dell'Ulss 3 Serenissima; 4000 i camici idrorepellenti, 4500 i grembiuli PP/PE con lacci, 2800 i camici chirurgici impermeabili non sterili. Da Azienda Zero sono giunti infine 25 ventilatori, 27 monitor dedicati e 17 letti speciali.

In questo periodo di intenso lavoro per il contrasto alla diffusione del contagio da Coronavirus e per l'assistenza dei pazienti affetti dal virus, l'Ulss 3 Serenissima conferma il quotidiano impegno per dotare i propri operatori dei necessari presidi di protezione personale.
Dall'esplodere dell'emergenza Azienda Zero ha reperito sul mercato, superando le ben note difficoltà sul mercato, presidi e materiali poi distribuiti alle Aziende sanitarie locali. Sono circa 95 mila le mascherine di varia tipologia fornite fin qui alle strutture dell'Ulss 3 Serenissima; 4000 i camici idrorepellenti, 4500 i grembiuli PP/PE con lacci, 2800 i camici chirurgici impermeabili non sterili. Da Azienda Zero sono giunti all'Ulss 3 Serenissima, infine, tra le dotazioni fondamentali per l'allestimento di posti-letto atti ad accogliere persona gravemente affette da Coronavirus, 25 ventilatori, 27 monitor dedicati e 17 letti speciali.

"Stiamo quotidianamente fornendo agli operatori sanitari dell'Ulss 3 Serenissima - sottolinea il Direttore Generale Giuseppe Dal Ben - i dispositivi necessari; contemporaneamente monitoriamo l'appropriato utilizzo di ciascuno di questi presidi". L'emergenza continua, occorre garantire i presidi anche nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, e in questo momento non ci si può permettere il minimo spreco, mentre si individuano nuovi fornitori: "Lo sforzo per un approvvigionamento coerente con le esigenze continua sia da parte dell'Azienda sanitaria, sia da parte dell'Unità di Crisi regionale, capofila di importanti iniziative per il reperimento e la distribuzione di presidi, distribuiti in primo luogo agli operatori sanitari per garantire il loro lavoro al servizio dell'utenza e in particolare degli utenti affetti da Coronavirus".

L'Ulss 3 Serenissima ringrazia le molte persone, gli enti e le associazioni che si stanno mobilitando per sostenere le strutture sanitarie in questo periodo complesso. Poiché nessuno dei Reparti o delle Unità Operative ha necessità che non siano affrontate e gestite, invita tutti a convogliare gli sforzi verso la raccolta fondi unica lanciata dalla Regione Veneto per l'emergenza Coronavirus: è a livello di Unità di Crisi regionale che si valutano e si affrontano le reali necessità, là dove si verificassero realmente.
Anche ai propri dipendenti, l'Ulss 3 Serenissima ricorda che non è utile né funzionale alla gestione dell'emergenza avviare iniziative personali o dirette ad un singolo Reparto, paventando pubblicamente difficoltà presenti o future, smentite nei fatti. In particolare, non hanno senso le raccolte di fondi per i dispositivi di protezione, a cui provvede la Regione Veneto attraverso gli enti preposti.

A tutti quindi l'Ulss 3 Serenissima rinnova l'appello: si faccia riferimento al lavoro dell'Unità di Crisi regionale, che conosce le vere difficoltà là dove si verificano, e si utilizzi per le donazioni il conto corrente istituito appunto per un comune sforzo di contrasto alla diffusione del contagio, e di cui l'Unità di Crisi renderà conto con puntualità e trasparenza.
Il conto corrente ha le seguenti coordinate: IBAN IT 71 V 02008 02017 000105889030. Causale: Sostegno Emergenza Coronavirus, intestato a Regione del Veneto

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x