Info Ulss
Typography

I due riconoscimenti sono stati ricevuti per l’attività di chirurgia linfatica per la prevenzione ed il trattamento dei linfedemi degli arti

Durante i congressi specialistici di Bruxelles e Buenos Aires, la Chirurgia Vascolare dell’Angelo ha ottenuto tra maggio e settembre il duplice prestigioso riconoscimento della comunità scientifica internazionale per l’attività di chirurgia linfatica effettuata a Mestre per la prevenzione ed il trattamento dei linfedemi degli arti.
"Il ‘linfedema’ – spiega il dottor Alessandro Busetto, microchirurgo linfatico della Chirurgia Vascolare di Mestre, diretta dal Primario Vittorio Dorrucci – è il ristagno di linfa che provoca il ‘braccio grosso’, cioè il rigonfiamento in un arto, e si manifesta purtroppo con frequenza dopo un intervento, in particolare nelle donne operate per tumore al seno: fino al 20% delle donne che hanno subito l'asportazione dei linfonodi ascellari è vittima di un linfedema, che può comparire anche a distanza di anni dall’operazione ed è, a diversi livelli, invalidante". Analogo problema si presenta negli arti inferiori dopo chirurgia inguino-pelvica, ad esempio tumore della prostata o dell'utero. Il linfedema è tradizionalmente affrontato con massaggi, linfodrenaggi e fasciature; a Mestre, gli specialisti della Chirurgia Vascolare hanno messo in atto da alcuni anni un iter terapeutico che cura e addirittura previene il formarsi del linfedema con la realizzazione di veri e propri bypass, cioè costruendo chirurgicamente dei percorsi linfatici alternativi: “Siamo in grado di farlo in presenza di un vaso linfatico già ostruito da molto tempo ma anche di eseguire un intervento preventivo, quindi con la costruzione dei bypass sui vasi nel momento stesso in cui vengono danneggiati, ad esempio durante l'intervento alla mammella".

L’équipe di chirurgia linfatica di Mestre ha recentemente ha presentato due importanti comunicazioni scientifiche: la prima al Congresso della European Society of Lymphology (Bruxelles, maggio 2019) dove le è stato assegnato il “Pierre Bourgeois Lymphological Award”; la seconda al Congresso mondiale della International Society of Lymphology (Buenos-Aires, settembre 2019). La collaborazione fra il dottor Dorrucci e il Busetto dell’Angelo, il dottor Alberto Onorato, linfologo del CRO di Aviano, e il dottor Michele Povolato, medico nucleare dell’Ospedale Udine, ha infatti portato a raccogliere una casistica talmente ampia da supportare i due studi clinici: il primo sulle novità nella linfoscintigrafia che consente una diagnosi più precisa di linfedema; il secondo su un nuovo approccio alla fisioterapia post-operatoria che ottimizza i risultati ottenuti con l’intervento di by-pass linfatico. “Il riconoscimento ricevuto dalla comunità scientifica – sottolinea il Primario Dorrucci – è quindi il risultato di un ampio progetto sinergico fra strutture sanitarie del Triveneto culminato, nel 2016, nella creazione di una rete virtuosa in grado di rispondere alle diverse esigenze dei pazienti affetti da linfedema”.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x