Info Ulss
Typography

Tra gli interventi eseguiti, anche la calcolosi salivare, un intervento frequente, ma anche complesso eseguito con la supervisione del professor Spinato

Il servizio ORL di Chioggia, che permette l'accesso all'utenza per la patologia del distretto cervico-facciale 365 giorni all'anno, per il 2018 ha snocciolato importanti numeri: l’anno scorso sono state infatti eseguite ben 5200 visite mediche ambulatoriali, con annessi 950 esami strumentali quali audiometrie ed impedenzometrie; più 150 interventi chirurgici (gran parte in day surgery) e 250 interventi di chirurgia ambulatoriale. L’attività chirurgica, che viene svolta dalla équipe di Otorino dell’Ospedale di Chioggia, guidata dal Dottor Massimo Mancini, con la supervisione del Professor Roberto Spinato (Coordinatore di Progetto per il Dipartimento Funzionale per la Chirurgia del Distretto Cranio Cervicale della Ulss 3 Serenissima), va da quella chirurgica di base (tonsille, setti, microlaringoscopie) fino alla cosiddetta chirurgia maggiore dove vengono trattati tumori delle ghiandole salivari, la patologia flogistica cronica delle stesse e anche la chirurgia oncologica dermatologica.
Oggi ci soffermiamo su un tipo di patologia frequente, che riguarda i calcoli che, a differenza di ciò che pensa la maggior parte delle persone, non compaiono solo nel fegato e nei reni, ma anche nella bocca e, quando accade, i dolori avvertiti sono molto simili a quelli di una calcolosi renale che, si ricorda, vengono parificati al dolore che prova una donna al momento del travaglio.

La calcolosi salivare, cioè la comparsa di calcoli nelle ghiandole salivari, è una esperienza che ha vissuto anche di recente un medico che opera nell’Ospedale di Chioggia, che ha deciso di farsi trattare proprio dai suoi colleghi medici, ovvero, in questo caso, dagli otorini guidati proprio dal Professor Roberto Spinato.
“Le ghiandole salivari - ha spiegato il Professor Spinato – servono a produrre degli enzimi (la saliva), necessari per la scissione degli alimenti e la conseguente corretta digestione del cibo. Abbiamo diverse ghiandole salivari in tutto il cavo orale: se i calcoli si sviluppano sotto la lingua, l’intervento è abbastanza semplice e comporta meno rischi per il paziente perché è sufficiente estrarli grazie ad una piccola incisione che viene eseguita subito sotto la lingua, ma se invece i calcoli si sviluppano nelle ghiandole parotidee o in quelle sottomandibolari (quest’ultimo è stato il caso del paziente operato a Chioggia), che riguardano quindi non solo la bocca ma anche i tessuti del viso e del collo, qui il trattamento richiede una certa esperienza e professionalità per la sua maggiore complessità e delicatezza”. Si tratta, infatti, di un intervento che si esegue abbastanza di frequente, ma che gode di una certa complessità in quanto l’operazione non è esente da rischi, ad esempio quello in cui si possa ledere uno dei nervi che coinvolge la mimica facciale, il movimento corretto della lingua e la sensibilità stessa di quest’ultima, indispensabile per avvertire e distinguere i gusti.
“Ogni volta che il paziente mangiava – hanno raccontato i medici - la saliva che si formava non poteva passare normalmente per il cavo orale che era ostruito dai calcoli e questo era causa di violenti dolori trafittivi. Questa ostruzione causava una ripetuta infiammazione delle ghiandole, con presenza di pus e la tumefazione del collo. Con l’intervento, con cui abbiamo estratto due calcoli che sembravano due pietre, abbiamo dovuto lavorare in un terreno complicato perché le ghiandole erano diventate un tutt’uno anche con i tessuti nervosi”.

“Questo intervento come altri che si realizzano negli ospedali di questa Azienda sanitaria, è un esempio dei vantaggi di far parte di una grande Ulss”, ha ricordato ancora il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben. “I nostri professionisti, in questo caso il Professor Spinato, girano per le varie strutture ospedaliere, si confrontano e dialogano con i colleghi, portando le loro esperienze e la loro competenza: il risultato di questo intervento ci permette così di toccare con mano come la sinergia degli specialisti della Ulss 3 garantisce prestazioni di qualità erogate a vantaggio dei nostri cittadini”.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x