Info Ulss
Typography

Il risparmio è stato del 6,5% rispetto al 2017 e si è tradotto in un costo pro-capite di 106 euro, rispetto ai 108 euro fissati dalla Regione, e in una riduzione del 4,6% del costo medio per ricetta

Grazie all’ appropriatezza prescrittiva nel 2018 l’Ulss 6 Euganea ha risparmiato 6,8 milioni di euro di farmaceutica rispetto al 2017. Il traguardo è stato raggiunto grazie alla collaborazione sempre più stretta tra l’Unità operativa complessa di Assistenza Farmaceutica Territoriale dell’Ulss 6, con il coordinamento della dottoressa Anna Maria Grion, e i medici di medicina generale e della conseguente serie di attività messe in essere per investire in appropriatezza. Nel 2018 la Regione Veneto ha fissato per le Aziende un costo pro-capite della farmaceutica convenzionata pari a 108 euro: nel 2017 il costo pro-capite era stato stabilito in 110 euro e l’anno si era chiuso con valori diversificati nelle tre ex Ulss (110 euro per l’ex Ulss 16, 115 euro per l’ex Ulss 15 e 118 euro per l’ex Ulss 17). Con il loro accorpamento nell’Ulss Euganea sono state estese e uniformate le attività da tempo svolte nell’ex Ulss 16 ove farmaceutica convenzionata si è sempre mantenuta entro il costo procapite fissato dalla Regione. In particolare è aumentato il coinvolgimento dei medici di medicina generale con i quali si sono tenuti, nel corso del 2018, 28 incontri per discutere degli obiettivi e dei tetti di spesa regionali, per condurre specifici approfondimenti su alcune aree terapeutiche a maggior rischio di inappropriatezza prescrittiva, e per condividere materiale e reportistica.

La partecipazione è stata molto elevata, quasi il 90%, tenendo conto che era comunque su base volontaria. Nel corso dell’anno sono stati poi inviati report personalizzati sull’andamento del proprio costo pro-capite e sugli indicatori di appropriatezza nonché spediti periodicamente notiziari informativi, predisposti dall’UOC Assistenza Farmaceutica Territoriale, sulla prescrivibilità dei farmaci a carico Sistema Sanitario Nazionale. Parallelamente, per rendere coerenti le azioni ospedaliere con i percorsi di appropriatezza messi in atto dalla medicina territoriale, sono stati compiuti 21 incontri con specialisti ospedalieri.

“Tutte queste azioni, ma soprattutto il fondamentale apporto della medicina generale che ha lavorato sull’appropriatezza e sul rapporto costo-efficacia delle terapie, hanno portato – sottolinea il Direttore Generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta - ad una riduzione della spesa del 6,5% rispetto al 2017 con un risparmio pari a 6.800.000 euro. Questo si è tradotto in un costo pro-capite di 106 euro, rispetto ai 108 euro fissati dalla Regione, e in una riduzione del 4,6% del costo medio per ricetta. Non si è certo trattato di tagli, quanto piuttosto di un maggiore ricorso all’appropriatezza, reso possibile da un grande lavoro di squadra tra noi e la medicina territoriale”.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x