Info Ulss
Typography

Il Premio valorizza progetti finalizzati allo sviluppo, al benessere e alla cura della persona.

Il Premio “Persona e Comunità”, un riconoscimento importante giunto alla sua quinta Edizione, organizzato con il patrocinio della Regione Piemonte, della Città Metropolitana e del Comune di Torino ha un vincitore: si tratta del progetto "Io riciclo tu sorridi", realizzato dal Cerris – RSA Disabili Marzana . La giuria ha visionato i moltissimi progetti provenienti da tutta Italia per premiare i migliori progetti finalizzati allo sviluppo, al benessere e alla cura della persona. Il Comitato scientifico del Premio, terminati i propri lavori, ha dunque conferito la Segnalazione di Buon Esempio per la sezione Solidarietà e Servizi Socio-Sanitari al Progetto realizzato da UOC CERRIS e RSA Marzana dell’Ulss 9 Scaligera in collaborazione con il Comune di San Giovanni Lupatoto e SGL Multiservizi. Il progetto si è sviluppato in due classi di quarta elementare di Raldon e una classe terza a San Giovanni Lupatoto. Alcuni ospiti del Cerris sono entrati nella scuola per insegnare ai bambini come da materiale di ricilo si possono ricreare degli oggetti belli. Il significato del progetto è di agire a livello trasversale mettendo in sinergia scuola, bambini, genitori e realtà del territorio per modificare la visione della diversità intesa come individualità. I laboratori con il fare hanno dimostrato ai bambini che qualsiasi materiale può essere utilizzato e che quello considerato di scarto con la creatività ridiviene un oggetto utilizzabile.

“Ancora una concreta dimostrazione – dichiara Pietro Girardi, Direttore Generale dell’Ulss 9 – che le fragilità di tutti noi possono diventare risorse, che si esplicano nell'inclusione sociale quotidiana e che ci fanno sentire cittadini attivi di pari dignità. Questo conferimento dimostra infatti che l’impegno nella lettura dei bisogni, e nel dare loro risposta per valorizzare la persona, da parte delle istituzioni genera coesione sociale, appartenenza e solidarietà.” I bambini che hanno partecipato al lavoro con entusiasmo hanno chiesto e ottenuto di visitare i laboratori del Cerris per imparare a costruire altri oggetti dai loro amici là ospitati. Inoltre il Cerris avrà la possibilità di presentare il progetto in seminari organizzati dal Centro Studi torinese. Il 2 marzo ragazzi, operatori e familiari andranno a Torino a ritirare il meritato riconoscimento.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x