Info Ulss
Typography

L’Ulss 3 Serenissima organizza una mostra fotografica che ripercorre il tema della Giornata: la prevenzione dei problemi osteoarticolari attraverso l’ergonomia

L’8 settembre ricorre la Giornata Mondiale della Fisioterapia, e per l’occasone l’Unità Operativa di Medicina Fisica e Riabilitativa di Dolo della Ulss 3 Serenissima ha organizzato una mostra fotografica che ripercorre, nelle immagini, il tema su cui si concentra quest’anno l’evento: la prevenzione dei problemi osteoarticolari attraverso l’ergonomia.
La mostra, che sarà allestita nello spazio antistante la radiologica dell’Ospedale di Dolo, sarà visitabile dal 7 all’11 settembre. In particolare, proprio venerdì 8 saranno presenti in questa postazione alcuni operatori del Servizio della Medicina Fisica e Riabilitativa per illustrare le immagini ai cittadini che lo richiederanno; per chi lo vorrà, inoltre, sarà data la possibilità di scendere presso la Sala Convegni, dove verrà proiettato un breve filmato sull’ergonomia.
Gli operatori sanitari saranno a disposizione dei cittadini che desidereranno accedere alla palestra del Servizio per dimostrazioni pratiche di semplici accorgimenti che, se ben applicati, aiutano a proteggere le articolazioni da eventi stressanti. Verranno distribuiti dei dépliant informativi sulle attività del Servizio di Fisioterapia e sui percorsi esistenti per la presa incarico di pazienti con varie disabilità.
“Abbiamo deciso di aderire a questa iniziativa – ha spiegato Sandro Buoso, direttore della U.O. Medicina Fisica e Riabilitativa - perché riteniamo che le persone da “utenti passivi” possano diventare “soggetti attivi e responsabili” nella propria cura. In questa Giornata saremo a disposizione di chi vorrà ricevere informazioni e suggerimenti per stare meglio, anche semplicemente aggiustando la postura al lavoro o eseguendo degli esercizi utili in maniera costante”. “La cosiddetta responsabilità  del paziente per la propria salute – ha aggiunto il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – è in stretta connessione con i cosiddetti corretti stili di vita. Ciascuno di noi, quindi, deve fare la propria parte per star bene e allontanare il rischio di una malattia, soprattutto se questa è prevenibile. Non fumiamo e se lo stiamo facendo, smettiamo di farlo. Riduciamo l’utilizzo di alcol. Evitiamo la sedentarietà organizzando la nostra giornata anche nell’insegna del giusto movimento”.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x