Cucina
Typography

Un occasione per riaffermare una verità storica tutta venetaPer chi non lo sapesse, oggi si celebra la “Giornata Mondiale del Tiramisù”.

Strano a dirsi, ma anche questo dolce tipico ha un compleanno: per “fissare una verità storica certa”, per richiamare come “tutte le grandi pietanze sono figlie dell’inventiva e del territorio” e per ricordare che con Tiramisù e Prosecco, la Marca Trevigiana, e anche attraverso questa il Veneto, è di fatto uno dei massimi punti di riferimento dell’enogastronomia mondiale. In meno di mezzo secolo, il trevigiano tiramisù ha giustamente accumulato una platea mondiale, diventando il dolce a cucchiaio più famoso del pianeta, facile da preparare, eccellente, nutriente come era nelle intenzioni di chi gli ha dato i natali: Ada Campeol, proprietaria del ristorante “Alle Beccherie”, nel cuore di Treviso, coadiuvata dall’allora giovanissimo cuoco Roberto “Loli” Linguanotto. La signora Ada creò il “Tiramesù”, poi italianizzato in tiramisù, quando stava allattando il figlio, come “energetico”, componendo in un “unicum” perfetto ed equilibrato ingredienti sostanziosi già consumati per dare forza, come lo “sbatudin” (l’uovo sbattuto), i savoiardi con il caffè, il mascarpone. E’ nato così, questo dolce tanto facile da preparare quanto entusiasmante, divenuto in brevissimo tempo il più conosciuto e ricercato del mondo nel suo genere. Il Web, secondo una ricerca di Assolatte, evidenzia come i cinesi siano tra i maggiori estimatori del Tiramisù, dolce è citato nei siti internet in cinese oltre 14 milioni di volte. “La giornata mondiale del Tiramisù è una occasione per riaffermare una verità storica – ha ricordato l’assessore veneto al turismo Finozzi – e direi culturale, perché è grazie alle tante invenzioni più sagge che segrete, dove il primo ingrediente è la passione e il secondo è il buon gusto, che l’enogastronomia veneta si è fatta strada tra le migliori dei cinque continenti e collabora al successo turistico del Veneto, con i suoi 63 milioni di pernottamenti, dei quali circa il 62 per cento generati da ospiti stranieri, che “tiene” in un settore che ha conosciuto nel 2012 un crollo di presenze in quasi tutto il resto d’Italia”.
Margherita De Nadai

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x