Botanica
Typography

Una pianta dal potere curativo e decongestionante. In questi giorni di spiaggia e sole è facile prendere qualche scottatura: chi avesse in casa o in giardino una pianta di Aloe, può servirsene per togliere rossore ed infiammazione tagliando e sbucciando una foglia e applicandola sulla parte da trattare.

Infatti questa pianta nel suo succo o nel gel contenuto nella parte interna della foglia, possiede delle sostanze che hanno azione cicatrizzante, decongestionante e rigenerante cellulare.

Appartiene alla famiglia delle liliacee, di cui fanno parte circa 350 specie diverse: le più conosciute per la loro bellezza, per l'uso in medicina e a scopi alimentari e cosmetici, sono l'aloe arborescens, l'aloe ferox e l'aloe vera. Ama i climi caldi, per questo d'inverno, nel nostro settentrione, dev'essere possibilmente riparata (la temperatura non deve scendere sotto i 5 gradi). E' una pianta che già veniva menzionata nei papiri egizi, se ne parla anche in una tavoletta in argilla risalente al 2200 avanti Cristo in lingua sumera.

Ha meravigliose fioriture: i suoi fiori si presentano riuniti in spighe dal colore che varia dal rosso al giallo. In inverno necessita di pochissima acqua, in genere una volta al mese, mentre in estate dev'essere innaffiata una volta ogni 15 giorni. Comunque bisogna che fra una innaffiatura e l'altra il terreno sia completamente asciutto. E' opportuno concimarla con concimi ad alto titolo di potassio.

Maria Stella Zaia

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x