Attualità
Typography

Ad ottobre, il Presidente della Scuola di Medicina dell’Università di Padova e Direttore dell’UOC Medicina di Laboratorio dell’Azienda ospedaliera è stato inserito nella lista dei 100 patologi più influenti al mondo e ha ricevuto il premio SIBioC

Il prof. Mario Plebani, Presidente della Scuola di Medicina dell’Università di Padova e Direttore dell’UOC Medicina di Laboratorio dell’Azienda Ospedale-Università di Padova, ha ricevuto questo mese due nuovi prestigiosi riconoscimenti. Il primo è l’inserimento nella lista dei 100 patologi più influenti al mondo, unico italiano presente in questo ranking che annovera scienziati molto noti e di riconosciuto valore scientifico. Il secondo è un Premio attribuito dalla Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica (SIBioC) nel corso del 50 Congresso Nazionale tenutosi a Napoli e che riconosce il ruolo svolto a livello internazionale del Professor Plebani che ha ricevuto numerosi e prestigiosi riconoscimenti da Società Scientifiche quali American Association for Clinical Chemistry, Canadian Society of Clinical Chemists, Association for Clinical Biochemistry and Laboratory Medicine (Regno Unito) e l’International Federation of Clinical Chemistry and Laboratory Medicine (IFCC). In particolare, viene riconosciuto al Prof Plebani ed alla sua Scuola il ruolo nella ricerca di nuovi modelli per assicurare qualità in medicina di laboratorio e promuovere la sicurezza per il paziente. Il Prof Maio Plebani è presidente del Congresso internazionale di medicina di laboratorio ‘Laboratory Medicine : 25 years old’ in corso oggi, 30 ottobre 2018 nell’Aula Magna di Palazzo del Bo. Il simposio di medicina di laboratorio, dedicato al professor Angelo Burlina, è organizzato su due sessioni di lavoro nel corso delle quali si tengono anche due keynote lectures: la prima è affidata a David E. Bruns (Charlottesville, Virginia, USA), che interviene sui cambiamenti intercorsi nel tempo nella medicina di laboratorio; W. Greg Miller (Richmond, Virginia, USA) propone invece un intervento sul percorso di standardizzazione il suo futuro.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x