Attualità
Typography

consumi_acquaA Padova la più cara, Verona la più economica 

L’acqua di Padova è la più cara del Veneto, seguita da quella di Vicenza e quindi del capoluogo di regione, Venezia. Ai veronesi invece l’onore della bolletta più leggera, analogamente a quando accadeva 2 anni fa. A pochi giorni dall’appuntamento con i referendum del 12 e 13 giugno, con 2 dei 4 quesiti abrogativi relativi alla privatizzazione dell’acqua, l’Adico ha realizzato un’indagine sui costi in bolletta del servizio idrico integrato nei sei comuni capoluogo di provincia del Veneto.

 La fattura-tipo presa in esame è quella di una famiglia di 3 persone (scaglione di prima eccedenza) con un consumo annuo di 197 metri cubi. Tutti i valori espressi si intendono in euro al metro cubo. Nella città del Santo il costo medio annuo è di 338 euro, a Vicenza scende a 3334, Venezia ai attesta a 330 euro annui. Con 249 euro è Verona la città del Veneto meno cara per quanto riguarda la distribuzione dell’acqua pubblica. Gli uffici dell’Adico hanno poi messo a confronto questi dati con analoghe stime riferite all’anno 2009, mostrando come i rincari sulla tariffa media regionale siano nell’ordine di 80 euro in 2 anni: se nel 2009 una famiglia di 3 persone in Veneto pagava in media 231 euro all’anno per il servizio idrico integrato (acqua, depurazione, fognatura, costi fissi), oggi la somma media delle bollette pagate dalla stessa famiglia in 12 mesi tocca quota 310 euro, con un aumento quindi superiore al 30%. Sempre considerando i dati relativi al 2009, allora il Veneto si piazzava all’ottavo posto nella classifica delle bollette regionali, tra la Campania (214 euro) e il Lazio (245) ma ben lontana dai 178 della Lombardia, seconda classificata. Analoga la situazione dei principali comuni della regione nella classifica dei 106 capoluoghi di provincia italiani: Padova nel 2009 era sempre la più cara, prima tra le venete al 43esimo posto (270 euro, +7% rispetto al 2008 quando la spesa annuale era di 250 euro), seguita da Vicenza al 49esimo con 260 euro (+11% rispetto ai 235 euro del 2008), Treviso, 65esima ( rincaro record del +45% rispetto all’anno precedente: 230 contro 165 euro), Belluno, 67esima con 220 euro di bollette all’anno ( +6%, 210 euro nel 2008), quindi Venezia al 79esimo posto con 202 euro (+26%, 160 euro nel 2008) e infine la ‘virtuosa’ Verona, 80esima classificata con 201 euro all’anno pagati dalla famiglia tipo per l’acqua (+10%, 180 euro nel 2008).

Paola Vescovi

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x