Attualità
Typography

Quest’anno il bando è aperto anche alle Ulss e Aziende Ospedaliere del Veneto, allo IOV, alle strutture ambulatoriali convenzionate sanitarie e sociosanitarie del Veneto, alle associazioni di volontariato del Veneto, alla Regione Veneto

E’ partita la 6a Edizione del “Premio Giornalistico Giorgia Iazzetta”. Novità di quest’anno è l’apertura, oltre che ai giornalisti italiani (pubblicisti e professionisti), anche alle Ulss e Aziende Ospedaliere del Veneto, allo IOV, alle strutture ambulatoriali convenzionate sanitarie e sociosanitarie del Veneto, alle associazioni di volontariato del Veneto, e alla Regione Veneto.

Il tema del nuovo bando è la prevenzione e l’attenzione alla salute in tutte le sue forme:
- ai giornalisti si richiede un articolo o un servizio (su Tv, radio o giornali web) che abbia trattato l’argomento:
- alle istituzioni pubbliche-private-convenzionate e alle associazioni si chiede di presentare un progetto di comunicazione sui temi della prevenzione (cartaceo, audio o video, interattivo).
La premiazione avverrà nella primavera del 2018, in data da definire. Il premio è istituito da Nordestnet e gode del patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto. Possono partecipare – senza limiti d’età - tutti i giornalisti regolarmente iscritti all’Albo.

Il Premio ricorda Giorgia Iazzetta, giornalista di Chioggia, scomparsa prematuramente il 30 novembre 2011, lasciando un vuoto incolmabile nella sua famiglia (il papà Umberto, la mamma Gabriella, il fratello Luca) ma anche tra gli amici e i suoi colleghi.
Giorgia aveva cominciato a scrivere una decina di anni prima. Aveva lavorato per il free press "La Piazza" (trasferendosi per questo anche a Bologna), per il Corriere del Veneto (di cui è stata corrispondente per Chioggia) e, negli ultimi tempi, era stata direttore del sito internet "Comunicatori pubblici" e aveva stretto importanti collaborazioni universitarie.
Per ricordare il suo lavoro e per perpetuare la sua memoria, è nato un premio di giornalismo ispirato ai valori che hanno contraddistinto il suo lavoro: la curiosità, la serietà, il coraggio e soprattutto la cura per l’umanità. Nei suoi scritti, infatti, non è mai mancato il rispetto per il prossimo e l’attenzione per le ricadute morali delle parole affidate alla stampa.

REGOLAMENTO

 Art.1) Il valore del Premio, stabilito in euro 2.000 (duemila) totali, è destinato al miglior lavoro giornalistico (formato testo, audio o video) relativo al tema della prevenzione e dell’attenzione alla salute in tutte le sue forme. Verrà inoltre assegnato un riconoscimento alla migliore campagna di comunicazione.
Art.2) Sezione giornalistica.
Art. 2.1) La partecipazione al Premio è gratuita ed è riservata a giornalisti professionisti e pubblicisti iscritti all’Ordine dei Giornalisti;
Art. 2.2) Possono concorrere al Premio gli autori di articoli e servizi e progetti in lingua italiana pubblicati su quotidiani, settimanali, periodici, testate on-line (in tutti i casi regolarmente registrate al Tribunale di competenza), servizi radio-televisivi pubblicati, trasmessi o diffusi nel periodo compreso dall’1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017.
Art. 2.3) Sono esclusi dalla partecipazione i giornalisti membri della Giuria, i loro familiari e tutte le persone che abbiano legami contrattuali con l’organizzazione.
Art.3) Sezione istituzioni.
Art. 3.1) La partecipazione al Premio è gratuita ed è riservata alle Ulss e Aziende Ospedaliere del Veneto, allo IOV, alle strutture ambulatoriali convenzionate sanitarie e sociosanitarie del Veneto, alle associazioni di volontariato del Veneto, e alla Regione Veneto.
Art.3.2) Possono concorrere al Premio enti, istituzioni e strutture autrici di servizi, progetti e campagne di comunicazione in lingua italiana, pubblicati nei siti internet aziendali o da quotidiani, agenzie di stampa, settimanali, periodici, siti internet, o di servizi radiotelevisivi, pubblicati, trasmessi o diffusi nel periodo compreso dall’1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017.
Art. 3.3) Per i giornalisti addetti stampa delle aziende e istituzioni è vietata la partecipazione a entrambe le sezioni del concorso, seppure con due progetti diversi.
Art.4) Saranno considerati i contenuti che abbiano attinenza con l’informazione sanitaria di prevenzione e attenzione alla salute in tutte le sue forme. In particolare, saranno considerati i servizi da cui emerga l’accuratezza dell’informazione associata alla disamina degli aspetti umani e personali e i progetti che meglio rispondono ai bisogni di salute della popolazione.
Art.5) Le opere in concorso (non più di una per ogni autore e istituzione) dovranno pervenire, così come di seguito specificato, entro e non oltre il 15 marzo 2018, presso la Segreteria Organizzativa:
- direttamente on-line, inviando una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., specificando nell'oggetto “Premio Iazzetta”
 -  oppure, via posta, inviando in busta chiusa a:
 Nordestnet Srl
 Premio Giornalistico “Giorgia Iazzetta”, c/o Gvdr,
 via Gramsci 9, 35010 Cadoneghe (Padova).
a)      2 copie per ogni servizio giornalistico o nota di agenzia;
b)      2 copie progetto cartaceo
      c)  2 copie su DVD per i servizi televisivi e per documenti filmati;
      d)  2 copie su CD per servizi radiofonici;
      e) 2 copie su CD o DVD per i contenuti Internet.
Art.6) Ogni opera in concorso dovrà essere corredata da:
 6.1) compilazione completa di una scheda allegata relativa all’autore o istituzione (nome, cognome, data di nascita, indirizzo, recapiti telefonici, e-mail, curriculum professionale, testata di appartenenza o sito) che non superi la cartella di 30 righe;
 6.2) per i servizi editi con sigle o pseudonimi, i concorrenti dovranno allegare alla documentazione una dichiarazione firmata dal direttore della pubblicazione in cui si certifica l’identità dell’autore;
 6.3) autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lg.196/2003 per gli adempimenti connessi al presente Premio.
Art.7) L’assegnazione del Premio è determinata da una Giuria composta da: Martina Zambon (giornalista), Gianluca Maria Alati (medico e giornalista), Giampietro Vecchiato (consigliere nazionale FERPI, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana), Umberto Iazzetta (componente della commissione regionale delle cure palliative e contrasto al dolore e alla sofferenza inutile), Marco Almagisti (Ph.D. professore Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e di Studi Internazionali dell’Università di Padova), Giuseppe Caraccio (direttore editoriale Nes - Nordest Sanità), Maria Stella Zaia (vicedirettore editoriale Nes – Nordest Sanità), Giuliano Gargano (direttore responsabile Nes – Nordest Sanità), Elisabetta Boscolo Anzoletti (giornalista), Alessandra Lionello (giornalista), Giacomo Piran (giornalista).
Art. 8) Il Premio, nelle sue singole articolazioni, sarà assegnato a insindacabile giudizio della Giuria che deciderà a maggioranza.
Art.9) È inteso che il concorrente, con la sua partecipazione, autorizza l’organizzazione del Premio a riprodurre e diffondere su qualunque supporto, immagini e testi tratti dai materiali presentati in concorso, nelle pubblicazioni, nel materiale informativo e pubblicitario e nel sito internet del Premio stesso. L’organizzazione si impegna a citare gli autori delle opere utilizzate.
Art.10) Ogni autore è personalmente responsabile dei contenuti delle opere inviate. La partecipazione al Premio implica la completa accettazione del presente regolamento, sollevando l’organizzazione da ogni responsabilità civile e penale nei confronti di terzi.
 Art.11) Le opere inviate al concorso non saranno restituite.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x