Attualità
Typography

caffe

Lo afferma uno studio di Harvard

I ricercatori di Harvard ne sono convinti: il caffè combatte l’insorgere del tumore alla prostata. L’indagine, pubblicata sul Journal of the Nation Cancer Institute, è ad uno stadio preliminare e benché una parte della comunità scientifica sia piuttosto scettica la tesi che afferma è netta.

Il consumo di sei o più tazze di caffè al giorno è associato ad una riduzione del 20 per cento del rischio di qualsiasi tipo di tumore alla prostata. Non solo: gli uomini che bevono ancora più caffè potrebbero vedere diminuire il rischio di ammalarsi della forma più grave della malattia addirittura del 60 per cento. Ma quale sarebbe il legame tra il tumore e le sostanze contenute nel caffè? Secondo gli studiosi di Harvard la caffeina non c’entra, gli effetti dipenderebbero piuttosto dagli antiossidanti e da altri agenti chimici presenti nella bevanda, che influiscono sul modo in cui il corpo riceve gli zuccheri e sul livelli degli ormoni sessuali, due fattori entrambi collegati allo sviluppo del cancro alla prostata. La ricerca è stata condotta su  circa 50 mila maschi statunitensi che hanno riferito il proprio consumo di caffè nell’arco di un ventennio, dal 1986 al 2006, ma gli stessi studiosi ammettono che lo studio è ancora in corso e necessita di ulteriori approfondimenti.

Paola Vescovi

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x