Attualità
Typography

Sinergia istituzionale tra Ulss 9, Istituto Penale per i Minorenni e Casa Circondariale di Treviso

E' partito nei giorni scorsi un corso di formazione in 4 lezioni dedicato all’assistenza alla cura e alla vigilanza dei detenuti, che vede la collaborazione dell’Azienda Ulss 9 (con il suo Servizio di Formazione e il Distretto Socio-Sanitario n.1), dell’Istituto Penale per i Minorenni e della Casa Circondariale di Treviso. Il percorso di formazione, realizzato in sinergia istituzionale, si pone l’obiettivo di offrire nuove competenze e stimoli professionali agli operatori sanitari che lavorano in carcere e al personale penitenziario per gestire la relazione con il detenuto, soprattutto se proveniente da altri paesi (circa il 60% della popolazione carceraria), e favorire percorsi di reinserimento sociale.

Il corso, che si tiene a Preganziol presso la sede ex PIME in via Terraglio 58, sarà seguito da 25 professionisti tra psicologi, educatori professionali, infermieri e agenti di polizia penitenziaria. La presenza di una maggioranza di detenuti di origine straniera presso la Casa Circondariale e l'Istituto Penale per i Minorenni di Treviso ha evidenziato la necessità di un percorso di approfondimento professionale che affronti le tematiche della manifestazione da parte dei detenuti di un disagio attraverso il malessere fisico o psicologico, della richiesta di una “relazione di cura” differente a seconda della cultura di appartenenza del detenuto, delle strategie utilizzate dal detenuto per ridurre o trasformare la pena detentiva anche a costo di ammalarsi. Il lavoro degli operatori sanitari e degli agenti penitenziari si realizza in un contesto fisicamente identico ma professionalmente molto diverso, quasi contrapposto: da un lato la presa in considerazione della sofferenza e la richiesta di aiuto nel ridimensionarla o, più spesso, nell'eliminarla; dall'altra la valenza di controllo, sicurezza e custodia da parte degli agenti. Questa contrapposizione tende ad influenzare anche le relazioni tra le diverse figure professionali che si occupano dei detenuti.

Giacomo Piran
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x