Attualità
Typography

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore al turismo Federico Caner, ha approvato le linee guida, valide per i Comuni costieri veneti, per la disciplina dell’accesso e della permanenza nelle spiagge dei cani accompagnati e degli altri animali d’affezione.

Il provvedimento è conseguente alla recente approvazione della legge di stabilità regionale che modifica quella in materia di tutela degli animali d’affezione e prevenzione del randagismo. La normativa ora stabilisce che ogni Comune individui le spiagge in cui è vietato l’accesso agli animali, ma contemporaneamente preveda almeno un tratto di spiaggia nel quale sia consentito loro l’accesso e la permanenza nel rispetto delle normative igienico-sanitarie.

Inoltre, deve essere identificato almeno uno specchio acqueo a uso pubblico, in sicurezza con apposito servizio di salvataggio, a cui gli animali accompagnati abbiano accesso delimitato da apposita attrezzatura galleggiante e segnalato da appositi cartelli multilingue. Analogamente, i concessionari o i gestori delle spiagge comunicano ogni anno al Comune le misure limitative all’accesso e alla permanenza degli animali nelle spiagge.

“Poniamo in tal modo rimedio a una querelle che si trascina da molto tempo – afferma Caner –. Intendiamo, così, di rispettare le esigenze e le sensibilità di tutti, sia di chi ama ho addirittura ha la necessità di accompagnarsi agli animali d’affezione, sia di chi non desidera o non può condividere con essi i medesimi spazi negli arenili”.

“Il mese scorso ho convocato gli amministratori locali e i rappresentanti del settore balneare – spiega l’assessore – per definire un’azione coordinata sull’intera costa veneta. I Comuni costieri hanno già disciplinato con propri regolamenti o ordinanze la materia e, pertanto, le linee guida che abbiamo approvato tengono conto delle esperienze maturate e puntano a metterle a sistema e armonizzarle, pur con attenzione alle specificità locali”.

I Comuni sono tenuti a dare notizia alla Regione (che provvederà a inserire le informazioni assunte nel proprio sito www.regione.veneto.it e nel portale turistico www.veneto.eu) delle aree individuate nelle quali è consentito l’accesso e la permanenza dei turisti con i loro animali da affezione, sia nei tratti di spiaggia libera che in quella gestita dai concessionari.

La Giunta regionale, inoltre, ha anche destinato 30 mila euro, da suddividere tra i Comuni che presenteranno richiesta, destinati all’informazione, anche nlingue straniere, sui servizi di ospitalità degli animali da compagnia nelle spiagge.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x