Attualità
Typography

terra da spazio 404x387Uno dei più affascinanti progetti spaziali a un punto di svolta Una bella addormentata che porta il nome di una zia: Rosetta, uno dei più avveniristici progetti spaziali degli ultimi anni, si risveglia oggi.

 

La sonda cometaria dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) è stata lanciata nel marzo 2004 dalla base di Kourou (Guiana Francese), ha navigato nel sistema solare tra la Terra e la fascia degli asteroidi tra Marte e Giove fino al giugno 2011, ottenendo immagini spettacolari e di grande valore scientifico degli asteroidi Steins e Lutetia, di Marte e della Terra, dirigendosi poi verso l'esterno dell'orbita di Giove per trovarsi puntuale all'appuntamento con la cometa Churyumov Gerasimenko.

 

Per sopravvivere al grande freddo che l'aspettava (circa 130 gradi centigradi sotto zero) dal giugno 2011 la sonda è stata completamente spenta, e messa in uno stato di vera e propria 'ibernazione indotta'. Da allora nessun segnale è più partito dalla sonda, né nessun segnale emesso da Terra l'ha più raggiunta. Il suo moto è stato completamente affidato alle leggi di Keplero, che l'hanno costretta a seguire una traiettoria ellittica che la porterà a piccolissima distanza dall'orbita della cometa in un luogo preciso e a una data precisa, un appuntamento cui non si può mancare nemmeno di pochi chilometri o di pochi minuti.

 

Tutto spento a bordo della sonda dunque, tranne un piccolo orologio programmato per svegliarsi proprio oggi, 20 gennaio, alle ore 10 in punto. L'orologio comanderà ai razzetti di accendersi per fermare la rotazione della navicella, a un sensore di acquisire il sole per orientare verso il nostro astro i grandi pannelli solari e cominciare a fornire elettricità a tutto il resto della strumentazione e infine alla sonda di girarsi verso Terra e inviare il segnale che significherà 'mi sono svegliata!'. Molta della tecnologia di cui Rosetta è composta è stata studiata e messa a punto dagli scienziati dell'università di Padova.

 

Ci vorranno parecchie ore perché tutta questa complessa proceduta venga effettuata, per cui rimarremo in fiduciosa attesa probabilmente fino alle 17 o anche dopo quando finalmente il segnale radio di Rosetta sarà ricevuto a Terra.

 

La missione alla cometa ci fornirà una straordinaria messe di informazioni che giustificano il nome di Rosetta, come la stele trovata dai soldati di Napoleone nella omonima località sul delta del Nilo, servì per decifrare i geroglifici egizi, così la sonda servirà per dissipare i tanti misteri che ancora circondano le comete.

c. c.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x