Attualità
Typography

Positivo il turismo nel 2011, determinate la presenza di vacanzieri stranieriPadova si conferma città turistica, caratterizzata da un turismo culturale di qualità, come confermano i dati positivi del 2011. L’anno, infatti, si è concluso con un trend positivo per l'intera provincia di Padova con il + 7,64 per cento di arrivi e + 3,64 per cento di presenze.

Nello specifico, l'ambito Padova - che comprende la città capoluogo e gli altri Comuni della Provincia (esclusa l'area Terme-Colli Euganei) - ha registrato un + 10,29 per cento di arrivi e il + 9,78 per cento nelle presenze. Solo Padova “città” conclude l'anno con il + 8,48 per cento di arrivi e + 9,54 per cento di presenze (44 mila arrivi e oltre 98 mila pernottamenti in più). Consolida, dunque, il risultato raggiunto nel 2010 e si attesta un milione e centotrentamila pernottamenti per il 2011. Determinante il ruolo degli stranieri con il + 21,48 per cento di arrivi e il + 22 per cento di presenze: i Paesi europei (Germania, Francia, Regno Unito e Austria) rappresentano il 22,12 per cento delle presenze straniere totali, mentre il turismo dei gruppi "near Venice" (India, Cina e Corea) incide per il 15,60 per cento. Per gli italiani invece, si registra una flessione (- 2,64 per cento per gli arrivi e – 0,20 per cento nelle presenze), in linea con i dati nazionali e con le difficoltà economiche. Bene anche l'andamento turistico per gli altri comuni padovani, con un +14,79 per cento negli arrivi e un + 10,38 per cento nelle presenze, con segni positivi sia per gli italiani che per gli stranieri.
L'ambito Terme-Colli (fortemente caratterizzato dall'andamento del Bacino termale euganeo), nel 2011 ha registrato un + 4,55 per cento negli arrivi ed un + 0,72 per cento nelle presenze. Per quanto riguarda la presenza straniera, poi, si è verificano un + 5,31 per cento negli arrivi e un + 1,24 per cento nelle presenze, grazie soprattutto a Francia e Svizzera. Permane, invece, il trend negativo di Germania e Austria. La costante riduzione della permanenza media è un altro elemento che sembra confermare i cambiamenti in atto nel mercato turistico: nel complesso dell'anno appena concluso la permanenza media alle Terme per la clientela italiana è di 4 giorni, mentre si attestano intorno ai 6 giorni per il pubblico delle altre nazionalità.
Margherita De Nadai

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x