Appuntamenti
Typography

Domani la selezione della cinquina finale, presidente della giuria OdifreddiSi riunirà domani, venerdì 20 gennaio, in seduta pubblica, la giuria scientifica della sesta edizione del premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica, per selezionare la cinquina delle opere che parteciperanno alla fase finale.

A presiede la giuria, composta da scienziati, ricercatori e giornalisti, sarà uno dei “principi” della divulgazione scientifica, Piergiorgio Odifreddi, matematico di calibro internazionale e vincitore della scorsa edizione del premio con il volume “C’è spazio per tutti. Il grande racconto della geometria”. L'evento si terrà nella sala Paladin di Palazzo Moroni, a partire dalle ore 10 alla presenza delle autorità, della stampa e del liceo scientifico Cornaro di Padova, che quest'anno rappresenta la provincia nella giuria popolare. Intenso il lavoro dei giurati che dovranno selezionare la cinquina finalista tra i circa settanta volumi segnalati. Ogni giurato, compreso il presidente, sarà chiamato a presentare un bilancio delle opere in lista, indicando  esplicitamente  alla giuria popolare le cinque opere ritenute maggiormente meritevoli, fino all'individuazione della cinquina finalista. Presumibilmente le operazioni di voto si concluderanno intorno alle 11.30.
La proclamazione del vincitore avverrà invece in primavera, il 3 maggio, al Centro Culturale San Gaetano di Padova: a decretarlo sarà la giuria popolare degli studenti oltre cento classi in rappresentanza di tutte le province italiane. Tra questi due momenti si terrà una serie di incontri degli autori della cinquina finalista con gli studenti e la cittadinanza.
Il Premio Galileo per la divulgazione scientifica è promosso dal Comune di Padova, in collaborazione con la  Provincia di Padova, l’Anci, l’Upi, l’Università degli Studi di Padova, Turismo Padova Terme Euganee e con il patrocinio della Regione del Veneto, del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Fondazione Il Campiello e dell’Accademia Galileiana di Scienze Lettere ed Arti di Padova.
Il Premio 2012 viene assegnato a  un’opera di diffusione scientifica pubblicata in lingua italiana dal primo gennaio 2010 al 31 dicembre 2011, secondo una formula che si ispira a quella già ampiamente sperimentata del Premio Campiello. Iniziativa collaterale, esordita lo scorso anno con notevole successo, è l’apertura di una pagina di Facebook dedicata al premio, dove chiunque può pubblicare una propria recensione di uno dei libri finalisti. Vince chi riceve più “mi piace”. Definito il “Campiello delle Scienze”, il Premio Galileo per la divulgazione scientifica è nato per stimolare nei ragazzi il desiderio di studiare e capire regole e contenuti del sapere scientifico: dalla fisica all’evoluzione, dalle teorie sulla meccanica celeste ai misteri dell’Universo.
Margherita De Nadai

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x