Latest News

Grid List

“Si tratta di un gran risultato per gli sforzi della Regione di fronte alle notevoli difficoltà che si incontrano nel garantire a tutti i pazienti l’assegnazione al medico di famiglia”

Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe rileva nella settimana 17-23 febbraio 2021, rispetto alla precedente, un incremento dei nuovi casi (92.571 vs 84.272) a fronte di un numero stabile di decessi (2.177 vs 2.169). In lieve riduzione i casi attualmente positivi (387.948 vs 393.686), le persone in isolamento domiciliare (367.507 vs 373.149) e i ricoveri con sintomi (18.295 vs 18.463), mentre risalgono le terapie intensive (2.146 vs 2.074). In dettaglio, rispetto alla settimana precedente, si registrano le seguenti variazioni: Decessi: 2.177 (+0,4%); Terapia intensiva: +72 (+3,5%); Ricoverati con sintomi: -168 (-0,9%); Isolamento domiciliare: -5.642 (-1,5%); Nuovi casi: 92.571 (+9,8%); Casi attualmente positivi: -5.738 (-1,5%).

Una ricerca sugli effetti del lockdown sulla salute mentale della popolazione durante la pandemia ha evidenziato come tra i 20.000 intervistati, ben 2555 (il 12% circa) hanno riportato livelli di sintomi depressivi gravi o estremamente gravi. Non basta: 3627 intervistati (il 17%) hanno lamentato sintomi di ansia, e infine 8619 (il 41,6%) ha riferito di sentirsi almeno moderatamente stressato. Le donne intervistate, insieme ovviamente alle persone con precedenti problemi di salute mentale, hanno evidenziato un rischio maggiore di sviluppare depressione grave e sintomi di ansia.

Inaugurati i nuovi ambulatori per l’Odontoiatria di comunità e un nuovo angiografo digitale per la Cardiologia acquistati grazie a un cospicuo finanziamento regionale, una postazione-letto di Terapia intensiva donata dalla Banca Patavina di Piove di Sacco. L’artista Walmer Peccenini regala una statua omaggio agli operatori sanitari.

La somministrazione alla classe 1941 inizierà il 15 febbraio, e si svolgerà in uno dei 6 punti di vaccinazione presenti nel territorio dell’Ulss 6

Secondo l’ISS nei fumatori il rischio di finire in terapia intensiva è più del doppio rispetto a chi non è fuma. Ad accentuare questo messaggio di prevenzione ci pensano anche i ragazzi del Distretto di Mirano Dolo che, come negli anni scorsi, hanno organizzato un concorso di disegni aventi come tema il fumo di sigaretta.

L’incontro virtuale si svolgerà in occasione della Giornata mondiale della patologia. Protagonista assoluto la centralità del paziente

La Società Italiana di Neonatologia sostiene i risultati dell’internazionale COVID Mothers Study: “La mamma positiva al coronavirus, che usa le opportune misure di precauzione, ha un rischio molto basso di contagiare il neonato. Se ha sintomi lievi è perciò possibile evitare la separazione dal suo bambino, poiché i benefici del rooming-in e dell’allattamento materno sono maggiori del rischio di contagio”

Già direttore dell’oncoematologia pediatrica di Padova, era uno dei medici più conosciuti e amati d’Italia

La trasmissione vedrà la partecipazione di esperti (fisioterapisti, psicologi, nutrizionisti, posturologi) e artisti legati della tradizione popolare ed è pensata per una fruizione “interattiva”

Da lunedì 18 in Veneto gli operatori economici del commercio, della ristorazione, del turismo, dei servizi e del terziario, potranno riaprire le loro attività, ma chiedono di farlo in sicurezza, con chiarezza di indicazioni, nel rispetto delle linee guida nazionali. Come annunciato da Nes stamattina, la Giunta regionale ha voluto incontrare oggi, in videoconferenza, le associazioni di categoria e le organizzazioni sindacali, per condividere le disposizioni sanitarie per le riaperture e dare così indicazioni certe agli operatori economici.

Dieci marzo 2020: due mesi fa scattavano le misure restrittive - per contenere il contagio da coronavirus - in tutto il territorio nazionale. Il Dpcm del 9 marzo 2020 estendeva le misure previste da un precedente provvedimento e destinate inizialmente a cinque regioni. Si vietava ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico fino al 3 aprile. Poi la chiusura di tutte le attività ritenute non strategiche, il balletto sui codici Ateco, il divieto di lasciare il proprio comune di residenza. Quindi la proroga al 13 aprile (per evitare assembramenti a Pasqua), poi fino al 4 maggio (per trascorrere in sicurezza il 25 aprile e il 1° maggio).

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x