Latest News

Grid List

Scendono i contagi. Il grafico in testa a questo articolo, elaborato dalla fondazione Gimbe, illustra, per ciascun giorno, l’aumento percentuale del totale dei casi confermati rispetto al giorno precedente.

Gli effetti delle misure disposte dal Governo - in attesa di un nuovo decreto atteso prima del 3 aprile e che presumibilmente allungherà le restrizioni oltre Pasqua e Pasquetta - incominciano a dare i loro frutti. Il percorso però non sarà veloce. 

“I dati ci mostrano che stiamo arrivando a una sorta di plateau“, ha spiegato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro. “Dire che siamo arrivati al plateau vuol dire che siamo arrivati al picco, ma il picco non è una punta bensì un pianoro da cui ora dobbiamo discendere“, ha aggiunto Brusaferro, avvertendo però che “non dobbiamo illuderci che il rallentamento della diffusione ci faccia rallentare le misure di distanziamento sociale”.

“Un positivo ora può infettare solo una persona” – Il numero uno dell’Iss ha anche spiegato che l’indice di trasmissione del virus, il cosiddetto R con zero, “è vicino all’uno ma dobbiamo arrivare sotto il valore uno”. Tradotto vuol dire che un positivo ha la potenzialità di infettare una persona. “Dobbiamo mantenere tale indice sotto l’uno, intorno allo 0,5, con misure efficaci”. Per raggiungere invece il valore zero contagi, ha detto, “ci vorranno mesi”.

Sono quasi 48 milioni i materiali distribuiti dalla Protezione Civile ai territori per fronteggiare l''emergenza coronavirus. Il dato si evince dal sito "Analisi Distribuzione Aiuti” (ADA), aggiornato in tempo reale e dedicato a dispositivi ed apparecchiature per il contrasto al Coronavirus, distribuiti ogni giorno dalla Protezione Civile alle Regioni e alle Province autonome per fronteggiare l’emergenza.

Turni potenziati, nel Reparto di Malattie Infettive dell'Ospedale Civile di Venezia. Il carico di lavoro è aumentato di tre, quattro volte rispetto ai periodi di normale attività. Ma all'interno della squadra, che ora lavora con tre infermieri per turno, anche di notte, si respira un clima di attenzione e collaborazione: "E' aumentata alla responsabilità - spiega la dottoressa Erika Morelli, in turno di domenica mattina - ed è sicuramente aumentata la tensione:sentiamo di dover dare, anche di fronte a questo aumento dei casi, la stessa cura e la stessa assistenza a tutte le persone ricoverate".

Secondo l’ISS nei fumatori il rischio di finire in terapia intensiva è più del doppio rispetto a chi non è fuma. Ad accentuare questo messaggio di prevenzione ci pensano anche i ragazzi del Distretto di Mirano Dolo che, come negli anni scorsi, hanno organizzato un concorso di disegni aventi come tema il fumo di sigaretta.

Sono circa 95 mila le mascherine di varia tipologia fornite fin qui alle strutture dell'Ulss 3 Serenissima; 4000 i camici idrorepellenti, 4500 i grembiuli PP/PE con lacci, 2800 i camici chirurgici impermeabili non sterili. Da Azienda Zero sono giunti infine 25 ventilatori, 27 monitor dedicati e 17 letti speciali.

"Affrontiamo una sfida di vaste proporzioni, in entrambi gli Ospedali - spiega il Primario Panese -. E mentre a Mestre si dispiega lo sforzo di cura e di accoglienza al servizio dell'intero territorio provinciale, all'Ospedale Civile di Venezia con i nostri operatori serviamo un territorio e una popolazione che di fronte al virus risulta ancora più debole"

Antonella Prigioni lavora per Nes NordEst Sanità sin dalla nascita di questo giornale, nel 2008. C'è sempre stata, c'è sempre e finché avrà voglia ci sarà. Sorride sempre, Antonella, e non dice mai di no a nessun compito. Per lei non esistono sabati e domeniche: le scadenze si rispettano, costi quel che costi. Anche negli ultimi mesi, quando le gravose questioni familiari avrebbero potuto distoglierla dalle incombenze, non si è mai tirata indietro. 
Per molti di noi è una collega da prendere ad esempio, per la professionalità e la competenza. Per molti altri la sorella con cui sfogarsi. Ai più giovani di noi dice sempre che lei è la zia per antonomasia, quella che ti fa fare le cose che nè genitori nè amici possono sapere. Per tutti è un'amica. Di quelle vere, magari non mielosa o sdolcinata, ma un'amica vera, su cui poter fare sempre affidamento. 
E allora oggi siamo noi a stringerci a lei con affetto e amicizia, per dirle che le siamo vicini e che può contare su di noi. 

Il progetto, per il quale la Fondazione ha concesso un finanziamento di 500mila euro, si pone l’obiettivo di verificare la “risposta immunitaria al Sars-CoV-2 nella popolazione veneta” per capire quali siano le difese immunitarie efficaci contro il virus e perché esse vengano meno in alcuni pazienti.

Susanna Esposito (presidente dell’Associazione Mondiale delle Malattie Infettive e i Disordini Immunologici): “Fondamentale tracciabilità dei casi. Inutile vietare le attività all’aperto: se fatte in solitudine, indossando la mascherina ed evitando di creare assembramenti non sono rischiose per nessuno”

Le raccomandazioni della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale per arginare il fenomeno che colpisce oltre il 50% dei ragazzi 11-17enni

Lo scopo è favorire il collocamento obbligatorio delle persone più fragili

Dal laboratorio teatrale per persone con disabilità nasce lo spettacolo “Vaca Mora”, in scena al Barco Teatro a settembre 2020.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x